Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Rieti saluta mons. Lorenzo Chiarinelli

©

Celebrate le esequie del Vescovo emerito di Viterbo

05/08/2020 14:01 

 

Scomparsa Mons. Chiarinelli, il cordoglio dell'Azione Cattolica reatina

«Eredi e custodi di che? Il mondo che abbiamo alle spalle è finito, è passato» disse in un incontro

05/08/2020 09:40 

 

Sisma 2016, on line un nuovo servizio di assistenza

Dedicato a professionisti, imprese, enti locali e cittadini

05/08/2020 09:31 

 
 

 
   

 

 

CISAL Rieti: importante la realizzazione del progetto Terminillo Stazione Montana

 

Terminillo
Terminillo

 
 
virgolette

Scarse le precipitazioni nevose ma le località attrezzate mantengono comunque un numero elevato di presenze sulla neve

     

dalla Redazione
mercoledì 29 aprile 2020 - 09:19


«Le piste innevate non attirano solo gli sciatori, ma anche molti appassionati della montagna che approfittano della vitalità delle stazioni sciistiche per vivere la montagna nella stagione invernale». Lo dichiara in una nota il Segretario della CISAL Rieti Marco Palmerini.

«I bilanci delle società gestrici delle stazioni sciistiche certificano un comparto in crescita, - aggiunge il sindacalista - nella stagione 2017/18 le sole stazioni abruzzesi hanno avuto 921.000 presenze (490.000 Roccaraso, 219.000 Campo Felice e 212.000 Ovindoli). Nella stagione appena trascorsa solo con innevamento artificiale e una copertura media delle piste tra il 30 e 60 % la presenza è stata comunque importante, contate oltre 500.000 presenze, mentre il nostro Terminillo resta fermo a 29.400 presenze nell’inverno 2017/18».

«Appreso che gli sportivi della neve attirano sulla montagna anche gli appassionati dell’ambiente e del relax, - sottolinea Palmerini - non possono essere trascurate le ricadute occupazionali ed economiche che comporterebbe la realizzazione del progetto Terminillo Stazione Montana. Gli impianti previsti darebbero un’occupazione stabile a circa 20 addetti oltre a 60 stagionali, numeri importanti per un’area di crisi complessa come quella reatina. Gli studi di settore certificano un rapporto tra addetti agli impianti e indotto di 1 a 53. Infatti, in ambito nazionale nelle ultime stagioni 7.345 addetti agli impianti hanno generato un indotto di: 12.120 maestri di sci, 103.450 impiegati nella ricezione alberghiera, 168.760 nella ristorazione, 61.200 in bar pub e enoteche, 37.800 in discoteche, noleggio e altro».

«Il territorio non può perdere anche questo treno, - conclude Palmerini - il progetto Terminillo Stazione Montana necessita di un’accelerazione, richiamare sulla montagna del Lazio gli sportivi invernali, offrendo nuovi e rinnovati impianti, è una delle cure necessari per affrontare l’annosa profonda crisi occupazionale ed economica del reatino. Lo slogan Rieti attraente per natura dovrà essere integrato con … e servizi di qualità».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori