Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

ASL, Covid-19: aggiornamento del 10 agosto

5 nuovi soggetti positivo al test. 20 in totale i positivi in provincia

10/08/2020 15:00 

 

CISL: «Bene intesa per il completamento della Rieti-Torano»

Rieti Torano

«Delineati tutti i compiti degli enti»

07/08/2020 09:39 

 

Progetto «Con Maria»: Paola Minaccioni in piazza ad Amatrice

Paola Minaccioni

Al via l'iniziativa dell’Assessorato al Turismo e Pari Opportunità della Regione Lazio

07/08/2020 08:58 

 
 

 
   

 

 

Covid-19, esercizi commerciali a rischio

 


 
 
virgolette

Che fine faranno le piccole attività della Provincia?

     

di Alfredo Basili
giovedì 16 aprile 2020 - 10:21


Stiamo attraversando un periodo terribile, non vissuto nemmeno durante le guerre: ora i nostri esercizi commerciali debbono stare chiusi, e non si sa ancora per quanto altro tempo. L'errore macroscopico, come sempre avviene, è quello di considerare un esercizio commerciale dei nostri piccoli centri alla stessa stregua di quello di una grande città.

Gli esercizi dei nostri paesi per lo più svolgono una funzione sociale, spesso avviene che poche persone vengano durante tutta la giornata, però, se non ci fosse, sarebbe peggio. Quei commercianti che hanno lottato contro tutto, accollandosi oneri più grossi di loro per mantenere aperte le loro attività, magari storiche, rischiano di chiudere i loro battenti.

Ma se chiudono loro, chiude anche il paese. Il centro di ritrovo, magari anche per prendere un caffè, o farsi una partita a briscola e tresette, o magari al ristorante, per mangiarsi un piatto di pasta calda e bere un quartino di vino, sempre tenendo le dovute distanze e garanzie per tutti, in quanto di spazio ne abbiamo da vendere.

E invece no. Nessuno ci sente. Un caso per tutti l’albergo ristorante e il bar chiusi con il solo reparto di tabaccheria aperto che non copre nemmeno le spese elettriche della giornata, per molti l'affitto, il condominio, a volte il mutuo. Al bar nemmeno le bibite e il latte da asporto e molte merci rischiano di andare in deperimento.

In più, sembra non spetti il bonus Covid-19 a chi ha la pensione pur continuando regolarmente a pagare i contributi presso le loro casse di appartenenza. Questa non vuole essere una semplice lettera, ma un appello alla sopravvivenza dei nostri esercizi commerciali affinché gli organi preposti Provincie, Regione, Anci, possano rivedere le decisioni precedentemente prese, ma in fretta, perché potrebbe essere troppo tardi.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori