Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Carabinieri, a Rieti rubato un trattore agricolo

In corso indagini dei Carabinieri della locale Stazione

22/10/2020 10:34 

 

Covid: mini 'zone rosse' nel Reatino dopo il focolaio della Rsa di Borbona

Borbona

I provvedimenti straordinari adottati d'urgenza dal Comune

22/10/2020 08:58 

 

Amatrice: posata oggi la prima pietra dell'ospedale

La posa della prima pietra del Grifoni

Alla cerimonia presente tra gli altri l'Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania Viktor Elbling

21/10/2020 16:33 

 
 

 
   

 

 

ASL: contro la Direzione e gli operatori sanitari polemiche strumentali e false

 


 
 
virgolette

«Se è proprio difficile rimanere in silenzio, almeno si cerchi di evitare strumentali e inutili menzogne»

     

dalla Redazione
martedì 14 aprile 2020 - 17:49


«Mentre l’Azienda Sanitaria Locale lavora senza sosta per gestire al meglio la più grave pandemia degli ultimi cento anni, da alcune settimane rileviamo, sulla Stampa, polemiche strumentali, false e diffamatorie contro la Direzione e gli operatori sanitari». Così, in una nota, la Direzione Aziendale della Asl di Rieti.

«L’emergenza che stiamo vivendo, ci costringe, quotidianamente, ad assumere decisioni repentine, rimodulando spesso strategie e obiettivi da perseguire. Un lavoro svolto, sempre, con coscienza e senso di responsabilità nei confronti dei pazienti, dei nostri operatori sanitari in prima linea e di tutti i cittadini, uomini e donne, alle prese con i giorni più bui della loro vita. In tale situazione – proseguono dalla ASL - abbiamo deciso, prima Asl del Lazio, a prenderci cura di circa 200 persone fragili e vulnerabili, ospiti in strutture residenziali private, che in meno di una settimana abbiamo trasformato in strutture socio sanitarie, con il trasferimento in loco di strumentazioni, tecnologie e personale sanitario. Abbiamo attivato una rete di interlocuzione proficua e costante con tutte le Amministrazioni della provincia di Rieti, per meglio gestire e contenere l’epidemia sul territorio e grazie alla disponibilità di medici, psicologi, assistenti sociali e infermieri, abbiamo avviato decine di progetti e servizi di Teleassistenza per lenire le conseguenze dell’emergenza e le inevitabili restrizioni adottate su alcune linee di attività specialistiche e diagnostiche».

«Grazie al sostegno incondizionato dell’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio, - prosegue la nota - abbiamo dotato il nostro ospedale provinciale di un reparto di Terapia Intensiva con 11 posti letto e di un reparto COVID con 35 posti letto. Attraverso un desk installato all’ingresso dell’ospedale, forniamo ogni giorno, a circa 600 dipendenti e a tutti i cittadini in ingresso, i dispositivi individuali necessari per tutelarsi e tutelare gli altri. Ad oggi, abbiamo eseguito il 64% dei tamponi al personale sanitario più esposto, con la percentuale più bassa del Lazio di positivi (1,2%). Abbiamo compartimentalizzato l’ospedale, attivando percorsi e garantendo quotidianamente i servizi essenziali in tutti gli ambiti e le Aree sanitarie del territorio, a cominciare dai servizi ai pazienti in difficoltà. Con uno sforzo senza precedenti, dall’inizio dell’epidemia, il Servizio di igiene e sanità pubblica aziendale, effettua accurate indagini epidemiologiche su tutto il territorio provinciale e, laddove necessario, i test per individuare nuovi positivi al COVID 19, monitora giornalmente una media di 300 persone in sorveglianza domiciliare, mentre grazie agli operatori dell’Unità valutativa e di controllo, sabato scorso abbiamo verificato 70 Case di riposo e entro questa settimana completeremo il quadro, con ulteriori controlli sulle restanti 7 strutture».

«Oggi il nostro obiettivo – concludono dalla Direzione Aziendale - è governare l’emergenza e garantire il miglior livello di assistenza sanitaria possibile, ma verrà il tempo dell’attribuzione delle responsabilità e chi oggi, anacronisticamente, alimenta polemiche, farebbe bene a soppesare parole ed accuse, perché saranno oggetto di approfondimento nelle Sedi opportune. I cittadini hanno bisogno di cure e attenzione e chiedono autorevolezza e serenità, l’Azienda sostegno e partecipazione: divisioni interne e operazioni di discredito per meri interessi personali e particolari, invettive e polemiche non interessano a nessuno. Se è proprio difficile rimanere in silenzio, almeno si cerchi di evitare strumentali e inutili menzogne».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori