Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

La memoria dell’industria va a ruba: fino al 16 le richieste per i residenti in provincia

La distribuzione del libro a Palazzo Potenziani

13/04/2021 18:56 

 

La memoria dell'industria a Rieti e nella Sabina: il nuovo libro della Fondazione

La copertina del libro

Il volume ripercorre le principali vicende imprenditoriali del territorio

01/04/2021 18:46 

 

La storia del PCI reatino negli anni ’40 e ‘50 nelle pagine del libro di Spagnoli

Il libro

Il difficile percorso di affermazione e consolidamento di un soggetto politico che aveva come riferimento principale la classe operaia

01/03/2021 17:18 

 
 

 
   

 

 

Lo Jucci al Premio letterario Città di Rieti

 

L’autrice, i due relatori ed altri ragazzi dello Jucci
L’autrice, i due relatori ed altri ragazzi dello Jucci

 
 
virgolette

la quarta A del Liceo Scientifico presenta La sartoria di Via Chiatamone

     

di Chiara Del Soldato
sabato 22 febbraio 2020 - 08:56


Come di consueto, il “Premio letterario Città di Rieti” coinvolge le scuole con il progetto “Adotta un libro”. Per questo la quarta A del Liceo Scientifico C. Jucci ha ricevuto il compito di presentare La sartoria dI via Chiatamone, di Marinella Savino, il primo romanzo della cinquina finalista di quest’anno.

La storia, ambientata a Napoli durante la seconda guerra mondiale, ruota intorno alla protagonista Carolina, donna forte, coraggiosa, determinata a tutto pur di salvaguardare la famiglia e garantire ad essa un vitto adeguato. Capace di trovare soluzioni di volta in volta diverse, è anche dotata di grande umanità verso le persone che le ruotano intorno.

Ecco perché i ragazzi della quarta A hanno trovato molte analogie tra l’eroina e il principe machiavellico, la cui virtù sta nella capacità di intuizione, di soluzione, di pragmatismo, e duttilità finalizzate a rafforzare lo stato.

La differenza tra i due personaggi consiste però, dicono i ragazzi, nella pietas che Carolina mostra e che la rende un personaggio generoso, altruista, comprensivo dei drammi altrui, che siano la perdita del lavoro o della casa o di un figlio.

Carolina, hanno detto i ragazzi, è il perfetto prototipo di tutte le donne forti e coraggiose che in guerra da sole pensarono alle proprie famiglie, ma anche è esempio di una recente letteratura che, come d’altra parte anche il cinema, pone il riflettore su figure femminili protagoniste indiscusse della storia pubblica o privata.

La scrittrice è rimasta molto colpita dall’approfondimento effettuato dai ragazzi e si è complimentata con i due relatori, Emiliano Santori e Sofia Braconi.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori