Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Pirozzi: l'aiuto ai comuni distrutti annunciato dalla maggioranza è una farsa

Palazzo Chigi

Nella misura “Resto al Sud” la produzione di prodotti di animali da caccia e della lavorazione delle carni

03/12/2019 12:08 

 

Dl Sisma, Tocchio: il Palazzo finalmente vicino ai piccoli comuni

Massimo Tocchio

L'assessore del comune di Borbona sull'approvazione dell'emendamento del M5S

29/11/2019 09:21 

 

Via Salaria, Trancassini: «Approvato l’ordine del giorno per i lavori urgenti»

©

«Grazie a tutte le forze politiche hanno compreso l’importanza della mia proposta»

28/11/2019 15:08 

 
 

 
   

 

 

Dl Sisma, Lorenzoni: bene i risparmi della politica ai comuni colpiti

 

Gabriele Lorenzoni
Gabriele Lorenzoni

 
 
virgolette

In arrivo «200.000 euro per ciascun Comune del cratere sismico sotto ai 30.000 mila abitanti»

     

dalla Redazione
giovedì 28 novembre 2019 - 19:02


«Oggi la Camera ha approvato all’unanimità un emendamento al Decreto legge Sisma che destina una parte della donazione di 100 milioni di euro dei risparmi della Camera dei Deputati al fondo per la ricostruzione del Centro Italia colpito dal sisma. Siamo orgogliosi di poter finanziare con il taglio agli sprechi della politica interventi utili fino a 200.000 euro per ciascun Comune del cratere sismico sotto ai 30.000 mila abitanti, a condizione che i lavori abbiano inizio entro un anno dallo stanziamento del Commissario». Lo dichiara Gabriele Lorenzoni, deputato del Movimento 5 Stelle.

«La misura si aggiungerà allo stanziamento di 5 milioni di euro già previsto nello Sblocca-Cantieri per le infrastrutture comunali da dividere per ogni città più grande di 30.000 abitanti, cioè Rieti, Ascoli, Spoleto, Teramo, Fabriano, Macerata», prosegue Lorenzoni.

«Altri 50 milioni di risparmi - fa presente l'esponente pentastellata - saranno destinati nel 2020 alla Cabina di Regia Sisma 2016 per progetti di ampio respiro dedicati allo sviluppo economico e infrastrutturale, all'innovazione e al turismo del Centro Italia. Per una volta, grazie ai risparmi dei costi della politica, si interviene in progetti concreti per i cittadini e per le aree del paese più emarginate. D'ora in poi nessun comune sarà discriminato e lo Stato tornerà a farsi sentire nei fragili territori del centro Italia, martoriati da eventi sismici», conclude.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori