Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Terremoto all'Aquila, scosse di magnitudo 3.7 e 3.4

Ex vicesindaco di Barete, dopo lavori post 2009 siamo più tranquilli

08/12/2019 04:31 

 

Immigrazione clandestina, espulso un cittadino nigeriano

Il trentanovenne responsabile di tratta di esseri umani

06/12/2019 17:36 

 

Droga, a Rieti finisce in manette un nigeriano

Il giovane colto sul fatto per le vie del centro storico

05/12/2019 08:25 

 
 

 
   

 

 

Esplosione a Rieti: ancora gravi le condizioni della donna ricoverata

 


 
 
virgolette

La donna accusata di omicidio aggravato

     

dalla Redazione
mercoledì 27 novembre 2019 - 19:11


Versa ancora in gravi condizioni presso il Centro Grandi Ustionati dell'ospedale Sant'Eugenio di Roma B. C., la donna 42enne di origini sudamericane che lunedì sera ha ucciso il marito, il 44enne V. A., dandogli fuoco con della benzina nella loro abitazione di Campomoro, quartiere residenziale di Rieti.

La donna, che presenta ustioni profonde nel 50% del corpo a seguito dell'incendio che avrebbe appiccato nell'appartamento, è piantonata in stato di fermo dalle forze dell'ordine, ed è accusata di omicidio aggravato. Al momento, secondo quanto riferito da fonti sanitarie, non sarebbe in pericolo di vita, ma la sua prognosi resta tuttora riservata. Gli inquirenti attendono la possibilità di poterla interrogare, per aggiungere ulteriori elementi all'indagine avviata dalla Procura della Repubblica di Rieti subito dopo la tragedia.

Ricoverati e sotto osservazione, in via precauzionale, anche i due figli della coppia, di 7 e 15 anni, sistemati presso l'ospedale San Camillo De Lellis di Rieti e rimasti illesi dall'incidente, in quanto già fuori di casa al momento dei fatti. Poco dopo le 22 di lunedì sera la 42enne prima ha accompagnato i due ragazzi fuori dall'appartamento, poi è rientrata con due taniche di benzina e qui, avrebbe cosparso il marito di liquido infiammabile appiccando il fuoco.

Nel rogo si è generata anche una fuga di gas, che ha provocato una violenta esplosione, a causa della quale l'intera palazzina è stata evacuata dai vigili del fuoco, ed è tuttora inagibile. All'origine del folle gesto, secondo quanto ricostruito finora da polizia e carabinieri, ci sarebbe una violenta lite tra i coniugi, che avrebbe portato la donna a compiere il gesto disperato. Si attendono i risultati dell'autopsia disposta dai magistrati reatini sulla salma di Amadio, prevista tra la serata di oggi e la mattinata di domani.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori