Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Ex Risorse Sabine, Calisse: i lavoratori vittime di politiche scellerate

© Mariano Calisse

In Provincia stiamo lavorando per sanare almeno in parte la situazione debitoria della società

17/11/2019 12:35 

 

LSU, Ventura: apprezzamenti da tutti ad eccezione di Calisse

© Antonio Ventura

Bene allo stanziamento della Regione Lazio

16/11/2019 19:32 

 

Azione Studentesca Rieti: «Da 30 anni oltre ogni muro»

Blitz del movimento per ricordare la caduta del Muro di Berlino

09/11/2019 19:39 

 
 

 
   

 

 

Ammortizzatori sociali. Paolucci: In un anno quasi dimezzate le ore concesse

 


 
 
virgolette

Meno 31,2 per cento di ore di cassa integrazione autorizzate a Rieti e provincia

     

dalla Redazione
lunedì 4 novembre 2019 - 19:17


«Meno 31,2 per cento di ore di cassa integrazione autorizzate a Rieti e provincia. Questo il risultato del confronto tra gennaio e settembre 2018 con lo stesso periodo del 2019 sull’andamento degli ammortizzatori sociali nella nostra provincia». Lo dice Alberto Paolucci, Segretario generale della Uil di Rieti e della Sabina Romana, che ha elaborato i dati del nono rapporto del servizio politiche attive e passive del sindacato.

«Nei primi nove mesi dello scorso anno – spiega Paolucci – erano state oltre 200mila le ore accordate di cassa ordinaria, 189mila quelle relative alla straordinaria, oltre ventunomila quelle della cassa in deroga. Passando ad analizzare i dati del periodo gennaio settembre di quest’anno, scopriamo che l’ordinaria è scesa a 99mila, lieve flessione per la straordinaria, che passa a 184mila, ridotte al lumicino quelle della cassa in deroga, che calano fino a 480».

«Stiamo parlando – aggiunge l’esponente Uil – di quasi 129mila ore in ammortizzatori sociali in meno concessi agli uomini e alle donne della nostra provincia. Una flessione che corrisponde circa al dimezzamento delle ore da un anno all’altro: da oltre 400mila a circa 283mila. E’ evidente che la china discendente è dovuta anche ai ritardi nei pagamenti dei sussidi per le aree di crisi industriale complessa».

«La nostra flessione globale del meno 31,2 nel 2019 per cento è superata soltanto dalla provincia di Latina, che nel confronto dei nove mesi si è attestata a meno 47,5 per cento – continua Paolucci – Tutto ciò non significa nuova occupazione, crescita dei posti di lavoro, ripresa del tessuto produttivo. Ma soltanto continua sofferenza delle aziende della nostra provincia, basti pensare alla sola vicenda Elexos e alla mobilitazione dei lavoratori e delle lavoratrici».

«Nei prossimi giorni una delegazione di Cgil, Cisl e Uil – conclude il Segretario della Uil di Rieti e della Sabina romana – incontrerà la ministra per il lavoro e chiederà di aprire un tavolo tecnico sugli ammortizzatori sociali, perché nonostante questi riescano a salvaguardare molti posti di lavoro (oltre 122mila in questi mesi in tutto il Paese), c’è la forte esigenza di apportare correttivi specie nei settori produttivi attualmente vulnerabili».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori