Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Terremoto Amatrice, un album musicale per aiutare le famiglie colpite dal sisma

Agnese Valle

Si intitola "Ristrutturazioni" il nuovo lavoro della cantautrice Agnese Valle

20/01/2020 15:11 

 

Cardini e la Rieti Medievale stregano la città

Franco Cardini

E non finisce qui

20/01/2020 09:19 

 

Giornata della Memoria, a Poggio Mirteto va in scena lo spettacolo «Occhi»

Elisabetta De Palo

Appuntamento alla biblioteca comunale domenica 26 gennaio ore 18:00

18/01/2020 19:37 

 
 

 
   

 

 

Organo e percussioni novità di successo al Reate Festival

 

(foto di Alex Giagnoli)
(foto di Alex Giagnoli)

 
 
virgolette

Mercoledì 30 l’ultimo importante appuntamento con i talenti del Liceo Musicale Elena Principessa di Napoli

     

di Carla Di Lena
lunedì 28 ottobre 2019 - 17:56


Davvero insolito il duo che si è esibito all’Auditorium San Giorgio il 27 ottobre. Il magnifico organo Pinchi di recente costruzione, fiore all’occhiello della nuova ristrutturazione operata dalla Fondazione Varrone, è stato affiancato da una serie di piccoli strumenti a percussione. Il repertorio che l’organista Gabriele Levi ha proposto era un excursus che dal rinascimento fino all’inizio del romanticismo italiano attraversava la scuola italiana, tedesca, spagnola e soprattutto quella francese, in particolare con una trascrizione realizzata da un organista olandese di una composizione per orchestra di Marin Marais.

In buona parte dei brani si inseriva l’apporto delle percussioni antiche suonate da Mauro Occhionero, che specie nei pezzi in ritmo di danza sottolineavano elementi ritmici con un apporto anche improvvisativo dell’esecutore. Tamburo imperiale con i battenti, strumenti della tradizione mediterranea, tamorra napoletana, tamburelli con e senza sonagli, legnetti, tutto questo si avvicendava e animava in maniera insolita il programma organistico, ed entrambi gli esecutori evidenziavano una bravura e una brillantezza di notevole interesse per il pubblico.

Mercoledì 30 ottobre il prossimo concerto del Progetto Scuole del Reate Festival è ancora dedicato ai giovani musicisti del Liceo Musicale Elena Principessa di Napoli. Una carrellata di stili e formazioni diverse, con escursioni nella exra-colta che promette ancora una volta di confermare la bravura e il talento di giovani dediti alla musica, un’eccellenza del sistema formativo reatino.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori