Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Unindustria: le aziende del Lazio hanno aperto le porte ad oltre 1300 studenti

Decima edizione del «Pmi Day»

16/11/2019 10:51 

 

L'Ambasciatore della Repubblica Democratica del Congo ricevuto dal Prefetto di Rieti

iuseppina Reggiani e Sanbassi Khakessa Fidèle

Oggi la cerimonia di riapertura della Chiesa di San Gregorio Magno in Cantalice

16/11/2019 10:42 

 

Settimana mondiale 'Uso consapevole degli antibiotici', le iniziative della ASL

Incontri di sensibilizzazione e informazione presso l’ospedale de’ Lellis di Rieti e i Distretti territoriali

16/11/2019 10:36 

 
 

 
   

 

 

Appello dell'Avis di Castelnuovo di Farfa: «Venite a donare e portate un amico»

 


 
 
virgolette

Domenica 13 ottobre dalle ore 8.00 in Piazza Madonna degli Angeli

     

di Giuseppe Manzo
giovedì 10 ottobre 2019 - 09:36


La carenza di sangue è un'emergenza della nostra società, contro la quale le strutture sanitarie nazionali combattono ogni giorno. Il sangue e gli emocomponenti sono un'esigenza quotidiana che diventa tragica ogni volta che il sangue manca, non solo in caso eventi eccezionali quali terremoti, disastri o incidenti, ma anche e soprattutto nella gestione ordinaria dell'attività sanitaria: nell'esecuzione di trapianti e di vari interventi chirurgici, nei servizi di primo soccorso, nelle terapie oncologiche contro tumori e leucemie, nella combinazione dei farmaci plasmaderivati, chiamati non a caso anche farmaci salvavita, utilizzati per contrastare patologie importanti quali anemie croniche, emofilia, malattie del fegato, deficit immunologici o nella profilassi di infezioni come il tetano e l'epatite B.

Il sangue e i suoi componenti sono quindi presidi terapeutici indispensabili per la vita e purtroppo non sono riproducibili in laboratorio. Ciò significa che non esistono ad oggi alternative possibili alla donazione e se vogliamo una sanità capace di prendersi cura di noi, non possiamo far appello solo sulla scienza e sulla medicina ma dobbiamo dare il nostro contributo. Donare il sangue è un gesto di amore, di solidarietà. E' un atto civico. Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo ci preoccupa. Il sangue è indispensabile alla vita. Tutti domani potremmo avere bisogno di sangue.

La disponibilità di sangue è un patrimonio collettivo di solidarietà da cui tutti possiamo attingere nei momenti di necessità. Svolgendo una regolare attività di donazione si ha la garanzia di esser sottoposti a controlli sanitari periodici che permettono di monitorare le proprie condizioni di salute e svolgere un'importante azione di prevenzione.

«La donazione di sangue - ha sostenuto il Presidente del Gruppo Avis di Castelnuovo di Farfa, Simone Ciferri - al di là del gesto di solidarietà, rappresenta un'occasione per tutelare la propria salute ottenendo, una serie di vantaggi tra i quali: la riduzione del rischio cardio-vascolare, del rischio di diabete, la stimolazione del midollo osseo a rinnovare il sangue con effetto anti invecchiamento e la diminuzione del rischio di sviluppare tumori».

La donazione periodica del sangue, pertanto, garantisce ai donatori un controllo costante sul loro stato di salute tenendo monitorato il proprio organismo con un chek-up completo e gratuito. Donare il sangue aumenta il benessere psicologico, perché compiere un gesto di solidarietà stimola nell'organismo la produzione di alcuni ormoni, tra cui l'ossitocina, che sono in grado di diminuire lo stress e cancellare le tensioni. L'autoemoteca Avis è pronta domenica 13 ottobre alle ore 8.00 in Piazza Madonna degli Angeli, a Castelnuovo di Farfa.

 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori