Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Unindustria: le aziende del Lazio hanno aperto le porte ad oltre 1300 studenti

Decima edizione del «Pmi Day»

16/11/2019 10:51 

 

L'Ambasciatore della Repubblica Democratica del Congo ricevuto dal Prefetto di Rieti

iuseppina Reggiani e Sanbassi Khakessa Fidèle

Oggi la cerimonia di riapertura della Chiesa di San Gregorio Magno in Cantalice

16/11/2019 10:42 

 

Settimana mondiale 'Uso consapevole degli antibiotici', le iniziative della ASL

Incontri di sensibilizzazione e informazione presso l’ospedale de’ Lellis di Rieti e i Distretti territoriali

16/11/2019 10:36 

 
 

 
   

 

 

Nuovo ospedale di Amatrice, Uil: un fallimento annunciato

 

L'ospedale Grifoni di Amatrice
L'ospedale Grifoni di Amatrice

 
 
virgolette

La Regione Lazio conosce l’area in cui sorgeva l’ex Grifoni?

     

di Alberto Paolucci e Domenico Teodori - Uil Rieti
domenica 29 settembre 2019 - 16:51


La UIL di Rieti accoglie con soddisfazione quanto dichiarato dall’onorevole D’Amato, assessore regionale alla sanità, circa la possibile ricostruzione, in due tre anni, dell’ospedale di Amatrice. Tuttavia lascia interdetti, perplessi e increduli la notizia che lo stesso verrà ricostruito nella stessa area dell’ex Grifoni. Ricostruire l’ospedale su un’area angusta, geologicamente fragile, senza possibilità reali di ampliamento della struttura, senza spazi per un’area parcheggio e per un accesso funzionale ai servizi sanitari, è un’idea stupida che ridimensiona sul nascere le potenzialità del nuovo nosocomio.

E’ questa la volontà della Regione Lazio? E la Regione Lazio conosce l’area in cui sorgeva l’ex Grifoni? Logica vorrebbe il nuovo ospedale sulla via Salaria una posizione più centrale al bacino di utenza di riferimento, facilmente raggiungibile ed attrattiva per altre realtà limitrofe anche extra regionali. Dice l’onorevole D’Amato che entro trenta giorni sarà pronto il progetto esecutivo e di seguito la gara di appalto, quindi ci saranno “dei passaggi con le comunità locali e con l’amministrazione comunale.” La UIL di Rieti stigmatizza il comportamento della Regione Lazio perché scelte così importanti ed impegnative per il futuro di un’intera comunità vanno preventivamente condivise con il territorio che non può essere chiamato a ratifiche di scelte, come nel caso specifico, scellerate.

La costruzione del nuovo ospedale non è solo un problema edilizio, essa rappresenta una scelta che segnerà il futuro della sanità reatina. Il progetto Regionale èuna riproposizione ammodernata, con piccola area di riabilitazione, del vecchio Grifoni una struttura ospedaliera inadeguata ai bisogni sanitari del territorio ed un peso economico insostenibile per la ASL di Rieti.

La UIL di Rieti ritiene più funzionale la proposta dell’amministrazione comunale di Amatrice, condivisa anche dalla Curia Vescovile, della zona ex Don Minozzi quale location per un progetto più ampio di un’area ospedaliera, di riabilitazione e di servizi socio sanitari integrati La UIL di Rieti chiede alla Regione Lazio un ripensamento del progetto che non può prescindere dal coinvolgimento delle istituzioni, delle forze politiche e sociali locali. I finanziamenti arrivati a seguito del tragico evento del terremoto sono un’opportunità di rilancio per l’intera provincia, ma se questo è il metodo c’è di che preoccuparsi anche per la costruzione del nuovo ospedale di Rieti.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori