Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Rieti, servizi di controllo straordinari della Polizia di Stato

Sequestrata cocaina e marijuana ad un libanese

16/09/2019 14:47 

 

Casa di accoglienza: chiuso inaspettatamente l'accesso dalla via Terminillese

Ritenuto pericoloso lo svincolo è stato chiuso. Forte il disagio dei malati provenienti anche da fuori provincia e dei volontari

16/09/2019 14:34 

 

Carabinieri Forestali in campo per l'apertura della caccia

Controlli in tutto il Lazio. Nessun incidente nella provincia di Rieti

16/09/2019 13:38 

 
 

 
   

 

 

Terremoto: scossa 4,1 vicino a Norcia e Arquata

 


 
 
virgolette

Paura tra le popolazioni colpite dai terremoti del 2016 e del 2017. Più di settanta scosse dalla prima di 4.1

     

dalla Redazione
domenica 1 settembre 2019 - 08:30


Paura nelle zone dell'Italia centrale colpite dai devastanti terremoti del 2016 e del 2017 per una scossa di magnitudo 4,1. Poco dopo le 2 di notte, l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha registrato il sisma a una profondità di 8 km con epicentro a 4 km da Norcia, in provincia di Perugia, a 13 km da Arquata del Tronto in provincia di Ascoli Piceno e 14 da Accumuli, vicino a Rieti.

Il sisma è stato seguito dopo pochi minuti da due repliche di magnitudo 3,2 e 2 nella stessa zona ed era stato preceduto da altre quattro scosse di magnitudo comprese tra 2.8 e 2 con epicentro invece vicino Trevi (Perugia). Circa 70 le scosse dello sciame sismico che ha seguito la prima di 4.1, l'ultima poco fa di ML 2.8.

Ad Amatrice, Accumoli e Cittareale, comuni del Reatino colpiti dal sisma dell'agosto 2016, molte persone si sono riversate in strada. Al momento non si segnalano danni. Nei comuni terremotati la gente è uscita anche dai moduli provvisori antisismici. La scossa più forte è stata avvertita distintamente fino a Viterbo e Pescara, e nei quartieri più a nord di Roma e nelle Marche ad Ascoli Piceno, Macerata e Ancona. Sono in corso verifiche nei luoghi prossimi all'epicentro da parte di vigili del fuoco e dei gruppi volontari di protezione civile.

La zona dell'epicentro è la stessa della sequenza sismica iniziata tre anni fa, tra il Monte Vettore e il Monte Bove e già negli ultimi mesi aveva registrato lievi scosse che gli esperti collegano sempre a quel Terremoto. «Molta paura ma nessuna richiesta di soccorso è giunta al momento alle sale operative dei vigili del fuoco» è quanto fanno sapere i vigili del fuoco sulla loro pagina Twitter.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori