Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Atletica, Di Berardino a Rieti premia gli atleti dell'Under 23

Il podio

«Appuntamenti come questo possono contribuire a favorire la crescita economica e turistica»

16/09/2019 09:11 

 

Antonelli vince l'Esacrono

Giorgio Antonelli

Si aggiudica la classifica finale con una gara d'anticipo

16/09/2019 09:01 

 

A Colle di Tora il XIV Trofeo delle Regioni Enduro

Tutto esaurito nelle strutture ricettive della Valle del Turano grazie alla manifestazione che il prossimo fine settimana vedrà sfidarsi i più forti piloti d’Italia

28/08/2019 19:34 

 
 

 
   

 

 

Ciclismo, Antonelli scala il valico di Bocca di Forca

 

Giorgio Antonelli
Giorgio Antonelli

 
 
virgolette

Stage in altura per il reatino che conquista Bocca di Forca, Crostis e Tre Cime di Lavaredo

     

dalla Redazione
mercoledì 10 luglio 2019 - 15:39


Dopo aver ottenuto la 7° affermazione stagionale nella Cronometro di Solfagnano Parlesca (30 Giugno), il reatino Giorgio Antonelli si è trasferito al nord-Italia per uno stage di 9 giorni, tra Canazei ed Auronzo. Per Antonelli pedalate in altura e varie impegnative scalate, che hanno rimpinguato il già cospicuo bottino di Colli alpini, appenninici e pirenaici. Il "Capitano" ha affrontato passi e cime prestigiose, come il Pordoi, il Fedaia, il Giau e le 3 Cime di Lavaredo.

Ma i due passi più duri - che costituivano l'obiettivo primario della spedizione - sono stati il Crostis ed il Bocca di Forca. Il primo (1.990 metri) è il più alto colle del Friuli e contende allo Zoncolan (scalato già da Antonelli nel 2006) il titolo di passo più duro della Carnia. Con un dislivello di 1.430 metri in 15 Km (pendenza media 9,6% - massima 18%)il Crostis è una delle salite più dure d'Italia ed ha richiesto un impegno severo, per essere scalato con un semplice 34x25. Ancora più estrema la scalata del Bocca di Forca. Conosciuto col nome di "Strada degli Alpini", è il versante più duro del Monte Grappa e si affronta da Possagno. In 10,5 Km compie un balzo di 1.182 metri, con una pendenza media dell'11,25% ed una massima del 22%.

Verticale il 6° Km, veramente al limite dell'umano, con bici da strada e rapporti standard (meglio affrontarlo con una mountain bike o con l'ausilio di una batteria, come sempre più ciclisti fanno, per godersi la natura, senza essere superatleti). Raggiunta Punta Archeson, la strada scende per 3 Km e poi riprende a salire, riallacciandosi alla fine alla stada ordinaria (il Grappa "facile", che sale da Romano da Ezzelino). Per il cacciatore di Colli Antonelli un bottino di primordine ed una valida preparazione, in vista della parte finale della stagione agonistica.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori