Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Lo Jucci al festival della filosofia

A Modena con una classe virtuale

16/09/2019 09:04 

 

Teatro Flavio, sabato 21 l’inaugurazione del sipario

Alle 17:30 la cerimonia di inaugurazione della grande tela del Calcagnadoro

14/09/2019 11:09 

 

I Concerti d'Autunno del Conservatorio a San Giorgio

Nuovo cartellone di appuntamenti voluti dalla Fondazione Varrone

09/09/2019 19:57 

 
 

 
   

 

 

Ritorno a San Giorgio, buona la prima

 

Largo San Giorgio
Largo San Giorgio

 
 
virgolette

Su il sipario con il monologo di Lavinia Savignoni

     

dalla Redazione
sabato 6 luglio 2019 - 08:09


Platea al completo, ieri sera a Largo San Giorgio, per il primo spettacolo del cartellone estivo della Fondazione Varrone. Sul palco una brillante ed energica Lavinia Savignoni, che con il suo monologo su quell’ossessione che è diventato “il corpo perfetto” ha fatto ridere, sorridere e pensare il pubblico che è tornato ad affollare Largo San Giorgio.

«Ho preparato per mesi questo spettacolo praticamente in un garage, è veramente un’emozione averlo potuto condividere con voi stasera in questa splendida piazzetta», ha detto la Savignoni a fine serata ringraziando Paolo Fosso per averla voluta a Rieti ad aprire la rassegna della Fondazione Varrone. Fosso a sua volta ha ringraziato il pubblico: «È una meraviglia sapere che c’è ancora tanta gente disposta ad uscire da casa solo per il gusto di incontrarsi e di gustare un po’ di teatro in uno degli angoli più belli della città ed è un onore che l’abbiate fatto per noi».

Roberto Lorenzetti ha ricordato la determinazione con cui la Fondazione Varrone ha voluto riportare a San Giorgio spettacoli e cultura, prima con la riapertura dell’ex Chiesa, magnifica sala concerti e centro culturale, e ora con il teatro e la musica a Largo San Giorgio: «Troppo tempo questa piazza è stata al buio, vogliamo riaccendere una luce e così sarà per tutto il mese di luglio», ha detto il vicepresidente della Fondazione, dando appuntamento a sabato 13 per il concerto del cantautore e polistrumentista reatino Raffaello Simeoni.

Unico, grande rammarico per il pubblico rimasto in piedi: per effetto del piano di sicurezza dettato dalle norme sull’ordine pubblico, non si è potuti andare oltre i posti a sedere concessi e non si è potuto evitare il transennamento della piazza. Non essendo i posti a sedere riservati o prenotabili, la raccomandazione al pubblico è quella di arrivare con un po’ di anticipo rispetto all’orario di inizio degli spettacoli.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori