Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Calcio. Rieti, Aic: inaccettabile la condizione di lavoro dei giocatori

Annunciato stato agitazione e sciopero per domenica 17 novembre

11/11/2019 23:48 

 

Rieti Città europea dello Sport 2021

Oggi la premiazione presso il Salone d’onore del CONI a Roma

04/11/2019 14:01 

 

L’alpinista De Stefani e il Nepal incontrano Amatrice

De Stefani

Una cordata di solidarietà e di forte partecipazione

28/10/2019 09:30 

 
 

 
   

 

 

Reatini in bella evidenza al Campionato Italiano Marathon Mountain Bike

 

Dario Mostarda
Dario Mostarda

 
 
virgolette

Le montagne tra Celano e Rocca di Mezzo ad Aielli hanno ospitato l'evento sportivo

     

di M. G.
mercoledì 3 luglio 2019 - 09:40


Domenica 30 Giugno si è svolto ad Aielli, sulle montagne tra Celano e Rocca di Mezzo, il Campionato Italiano Marathon di Mountain Bike. Su un percorso di ben 110 chilometri con 3500 metri da scalare si sono affrontati più di 900 tra professionisti ed amatori. La Mountain Bike è infatti l’unica disciplina sportiva in cui professionisti ed amatori si confrontano correndo insieme e sullo stesso percorso: il primo fra i professionisti ha impiegato 4h49, il primo degli amatori 5h14.

Su questo percorso reso ancor più duro dalla temperatura e dal terreno della montagna abruzzese, si sono distinti i biker reatini: nella classifica riservata agli amatori non FCI (cioè appartenenti agli enti della Consulta CONI, come UISP, CSI, AICS, CSAIN, ACSI) Dario Mostarda del MTB Rieti si è classificato 3° assoluto e 1° della propria categoria (over 45). Successo reatino completato da Graziano Laudati, del team Friend’s - Faram, 5° assoluto e 1° over 35 e da Enrico Pizzi (MTB Rieti), 11° assoluto e 1° della categoria over 50. Tutti e tre, in una classifica inclusiva degli amatori FCI sarebbero stati appena a ridosso dei TOP 10 di categoria.

«La gara è stata durissima – dice Dario Mostarda - come giusto sia un campionato italiano. Una prima parte molto tecnica sia in salita che discesa dove ho attaccato, una parte centrale dove ho cercato di gestirmi non sapendo come potessi reagire all'ultima parte di gara, forse la più dura considerando il caldo, ma dove invece ho dato il meglio rimontando diverse posizioni».

Solo la durezza della gara nelle impressioni a caldo di Enrico Pizzi: «mai sofferto così tanto: caldo pazzesco, salite dure e smosse ed un paio di discese che, nonostante avessi optato per la bici a sospensione anche posteriore, spaccavano le braccia».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori