Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Furto in un supermercato, due arresti

Nei guai due georgiani con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio

16/11/2019 07:16 

 

Maltempo, Protezione civile: codice giallo sul Lazio da domani pomeriggio

Allerta per martedì 12 novembre e per le successive 12-18 ore

11/11/2019 18:50 

 

Cane da caccia in pericolo, lo salvano i vigili del fuoco

Il recupero del cane

Usate tecniche SAF (Spero Alpino Fluviali)

10/11/2019 08:06 

 
 

 
   

 

 

Lidia Nobili vince il ricorso contro l'Ufficio scolastico Regionale

 

© Lidia Nobili
© Lidia Nobili

 
 
virgolette

Il Giudice del lavoro rende illegittimo il trasferimento d'ufficio all'Istituto comprensivo di Contigliano del 2016

     

di L. N.
mercoledì 29 maggio 2019 - 21:24


Finalmente dopo tre anni la preside Lidia Nobili vince il ricorso avverso l'Ufficio scolastico regionale per il trasferimento d'ufficio all'Istituto comprensivo di Contigliano nell'anno scolastico 2016-2017, mentre sosteneva il diritto legittimo di ottenere l'assegnazione dell'incarico di dirigente scolastico nella sede dell'Istituto comprensivo A.M. Ricci.

Il giudice del lavoro Rosario Carrano, ribadendo la sentenza già emessa dal giudice Cacace, ha riconosciuto illegittima l'assegnazione della dirigenza scolastica dell'Istituto comprensivo Ricci alla professoressa Paola Testa, dichiarando il diritto della professoressa Lidia Nobili all'assegnazione, appunto, dell'incarico di dirigente scolastico dello stesso Istituto. Il giudice ha inoltre condannato l'Ufficio scolastico regionale e il Ministero della pubblica istruzione al pagamento delle spese legali e a rimborso dei danni materiali dovuti dalle differenze stipendiarli.

«Certamente - dichiara Lidia Nobili - esprimo viva soddisfazione per il giusto riconoscimento dei miei diritti violati, ma provo nel contempo una certa amarezza per i tempi delle sentenze che riconoscono un diritto ad un lavoratore dopo tre anni dal ricorso. Purtroppo in Italia assistiamo molto frequentemente a tempi troppo lunghi della giustizia».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori