Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Teatro e natura per la festa dei 30 anni del Parco dei Monti Lucretili

«Miti d'acqua» alle Pratarelle di Orvinio. Vetturini: esperienza unica

16/07/2019 10:25 

 

Raffaello Simeoni fa il pieno a Largo San Giorgio

«Mi sono divertito tanto e spero che sia stato lo stesso per il pubblico», dice il musicista e cantautore reatino

14/07/2019 19:30 

 

A Largo San Giorgio c’è Raffaello Simeoni Ensemble

Raffaello Simeoni

Presenterà il suo ultimo, doppio cd Orfeo Incantastorie

11/07/2019 15:13 

 
 

 
   

 

 

Nel dolce dell’oblio al Foyer del Teatro Flavio Vespasiano

 

Quartetto Quintessenza
Quartetto Quintessenza

 
 
virgolette

In scena i musicisti del Quartetto Quintessenza

     

dalla Redazione
mercoledì 15 maggio 2019 - 09:52


Si è svolto domenica scorsa presso il Foyer del Teatro Flavio Vespasiano, in occasione della stagione concertistica promossa dall’Assessorato alla cultura del Comune di Rieti, il concerto dal titolo Nel dolce dell’oblio. Maria Antonella Bellavia (Soprano), Sandro Sacco (Flauto traversiere), Daniele Bellavia (Violoncello) e Ornella Bucchignani (Clavicembalo), i musicisti del Quartetto Quintessenza, protagonisti nel concerto al Foyer, che hanno saputo trascinare il pubblico con un programma ricercato, che ha percorso musiche del repertorio barocco.

Più di un’ora di musica, nella quale il pubblico ha potuto godere la IV Sonata dell’Op. II di P. A. Locatelli per flauto traversiere e basso continuo, per passare alle Cantate di G. F. Haendel (Nel dolce dell’oblio), A. Vivaldi (All’ombra di sospetto) e J. A. Hasse (Quel vago seno). Il pubblico ha gradito le atmosfere di un concerto sempre godibile e di alto livello interpretativo grazie al noto virtuosismo di Sandro Sacco al flauto traversiere, insieme alla suggestiva voce di Maria Antonella Bellavia.

Non da meno le interpretazioni di Daniela Bellavia e Ornella Bucchignani che hanno supportato con il violoncello e il clavicembalo tutta la performance. E’ stata eseguita anche l’opera Regina Caeli del compositore reatino Antonio Rina (1708-1793), Accademico Filarmonico, in servizio come maestro di cappella nella Cattedrale di Rieti per più di cinquant’anni, presentata da Angelo Fusacchia che sta curando la revisione e riversamento on line su incarico del RISM (Rèpertoire International des Sources Musicales).

Fusacchia ha illustrato il lavoro di ricerca che ha restituito un’enorme quantità di dati interessanti che stanno mettendo in luce una realtà culturale finora pressoché sconosciuta.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori