Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

«Paesi che vai…» e Livio Leonardi fanno tappa a Rieti

Livio Leonardi

L'appuntamento è domani su Rai Uno ore 9:40 - 10:30

14/09/2019 12:13 

 

Mep Radio, in onda l'inaugurazione del pastificio Strampelli

Si potrà seguire la trasmissione anche in streaming audio

14/09/2019 08:34 

 

Scuola, a Rieti il trasporto scolastico parte dal primo giorno di scuola

Uno dei nuovi scuolabus

L'invito di Palomba a a mettersi in regola con i pagamenti

13/09/2019 09:12 

 
 

 
   

 

 

Malattie reumatiche autoimmuni: al de’ Lellis la Giornata di prevenzione

 

© L'ospedale San Camillo de Lellis
© L'ospedale San Camillo de Lellis

 
 
virgolette

Una iniziativa della Direzione Aziendale della Asl di Rieti organizzata dal dottor Paolo Scapato

     

dalla Redazione
giovedì 9 maggio 2019 - 09:35


Domani, venerdì 10 maggio, si svolgerà a Rieti, presso l’ospedale de’ Lellis, un’iniziativa di informazione e prevenzione dedicata alle malattie reumatiche autoimmuni. Voluta dalla Direzione Aziendale della Asl di Rieti e organizzata dal dottor Paolo Scapato responsabile dell’Unità di Medicina Interna del nosocomio, l’iniziativa si avvarrà del fattivo contributo dell’Associazione Laziale Malati Reumatici.

Dalle ore 12,30 alle ore 18 presso l’Ambulatorio di reumatologia dell’Ospedale di Rieti (piano terra) sarà possibile effettuare, gratuitamente e senza alcuna prenotazione, una visita specialistica ed eseguire esami strumentali. Non mancheranno momenti di informazione sulla malattia, per rendere i pazienti consapevoli e soprattutto coinvolti nelle scelte terapeutiche, passaggio fondamentale per migliorare l’efficacia delle cure.

Le malattie reumatiche colpiscono in Italia oltre 5 milioni di persone e possono essere fortemente invalidanti. Ancora per certi versi poco conosciute, non hanno età e riguardano anche i giovani e le persone nel pieno della vita lavorativa. I dolori tendono a peggiorare nel tempo, ma una diagnosi precoce, che consente di intervenire con terapie nei primi mesi dell’insorgenza della malattia, permette di rallentare i sintomi, fino ad arrivare in molti casi ad arrestarne la progressione, migliorando notevolmente la qualità di vita dei pazienti.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori