Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Terremoto: a processo in 5 per il crollo di un palazzo sul corso di Amatrice

Amatrice dopo il sisma del 24 agosto

Al via il processo il 2 luglio. Le vittime furono sette

18/04/2019 09:33 

 

Poste e piccoli Comuni, preso un rapinatore con il sistema di videosorveglianza

Arrestato l'uomo che lo scorso 12 aprile rapinò l'ufficio postale di Belmonte

17/04/2019 09:26 

 

Incidenti stradali: scontro sulla Salaria a Rieti, un morto

L'incidente di poco fa

La statale interrotta in località San Giovanni Reatino

16/04/2019 11:00 

 
 

 
   

 

 

Mafia, Ultimo: «Catturare Messina Denaro? Se lo chiedono ci sono»

 

Sergio De Caprio
Sergio De Caprio

 
 
virgolette

Lo ha detto il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio a Poggio Mirteto

     

dalla Redazione
mercoledì 20 marzo 2019 - 08:38


«Se me lo chiedessero lo farei, è il mio lavoro. Io sono qui. Per il momento nessuno mi chiede niente». È quanto ha detto il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio, conosciuto anche come "Ultimo", rispondendo ad una domanda sulla sua disponibilità a partecipare alla caccia del boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro, nel corso della giornata della legalità che si è svolta presso l'istituto superiore "Gregorio Da Catino, a Poggio Mirteto, di fronte a 1000 studenti.

Nel suo intervento il colonnello Ultimo ha parlato anche dell'arresto dell'altro boss di Cosa Nostra, Totò Riina: «L'ho catturato insieme ad altri Carabinieri - ha detto De Caprio - non esistono eroi solitari, è una parola che creiamo per rimuovere la semplicità. Tutti possono fare una cosa importante. Il giorno che abbiamo arrestato Riina eravamo preparati, eravamo di una superiorità totale. La paura ce l'hai prima, durante il combattimento mai: quando sei con i tuoi uomini non puoi averne perché sai che non ti tradiranno mai. Lui aveva paura, vedevo la paura nei suoi occhi, e mi dava anche un po' fastidio, urlava 'chi siete? Chi siete?'. Non ho avuto un dialogo con lui, perché ha capito cosa stesse succedendo».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori