Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Bandi per agevolazioni: Confcommercio vicina alle imprese

Leonardo Tosti

Attivato un servizio gratuito di primo screening per verificare la compatibilità dei progetti

19/09/2019 09:51 

 

Anas: lavori notturni sulla SS4 Salaria

Dal km 41 al km 55, dalle 21:00 alle 6:00 del 20 settembre

18/09/2019 18:42 

 

Via del Terminillo, priorità alla sicurezza di automobilisti e pedoni

La chiusura dello svincolo

Lo comunica l'Amministrazione comunale di Rieti

18/09/2019 12:34 

 
 

 
   

 

 

Ovalone reatino, un successo targato Copagri

 


 
 
virgolette

Il pomodoro iscritto nell’elenco dei PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali)

     

dalla Redazione
venerdì 15 marzo 2019 - 11:51


Il Presidente Regionale COPAGRI Lazio Guido Colasanti manifesta tutta la sua soddisfazione per il raggiungimento dell’obiettivo dell’iscrizione del pomodoro “ovalone reatino” nell’elenco dei PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) ottenuto con decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo del febbraio 2019 a firma del Ministro Centinaio. Si tratta di un risultato estremamente importante se consideriamo che il progetto che ha portato a questo riconoscimento è partito poco più di un anno fa. Il merito va condiviso con ARSIAL che da sempre è vicino a coloro che lavorano per la valorizzazione delle produzioni tipiche e Centro Appenninico del Terminillo "C.Jucci" che si è occupato della parte scientifica e colturale.

«Il pomodoro ovalone, varietà storica e autoctona del territorio reatino, adatto sia per le conserve che per il consumo diretto, è stato adottato da COPAGRI per essere riscoperto e ricollocato all’attenzione del consumatore ma - afferma il Presidente Colasanti - il riconoscimento del Ministero non è il punto di arrivo ma è solo la prima tappa di un cammino che vedrà come protagonista ma non unico attore l’Ovalone».

Per il momento il pomodoro, coltivato con metodi tradizionali e rispettosi dell’ambiente, è stato utilizzato per la produzione di conserve e passate ma la sue caratteristiche organolettiche lo rendono idoneo anche per altre produzioni che verranno svelate e commercializzate a breve.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori