Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Mafie, Sinibaldi: «La lotta quotidiana è dovere di ogni italiano onesto»

Un momento della manifestazione

Oggi il corteo contro le mafie organizzato da «Libera»

21/03/2019 12:24 

 

Amatrice: riaperta la ‘zona rossa’

© Corso Umberto I aperto al traffico

Di Berardino-Valeriani: l’area consegnata al Comune

21/03/2019 12:20 

 

Calcio, Rieti – Viterbese: denunciati due tifosi

© Lo stadio Manlio Scopigno

Due ultras viterbesi nei guai: lanciarono un sasso contro due mezzi della Polizia di Stato

21/03/2019 08:02 

 
 

 
   

 

 

Borbona, due denunce per pascolo abusivo

 


 
 
virgolette

Elevate sanzioni per 3.500 euro

     

dalla Redazione
martedì 12 marzo 2019 - 14:10


I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Posta hanno denunciato due titolari di Aziende zootecniche per pascolo abusivo. L'operazione è scattata a seguito di una segnalazione che riferiva dell'illecito. Le indagini messe in atto nelle campagne di Borbona, in località “La Croce - Colli della Croce”, hanno poi accertata la presenza di circa sessanta bovini incustoditi intenti a pascolare.

Dalle “marche auricolari” dei bovini si è potuto risalire ai proprietari attraverso la consultazione dell’anagrafe bovina, mentre parallelamente si è accertata la proprietà dei terreni oggetto del pascolo. Attraverso l’utilizzo del Sistema Informativo della Montagna, è così emerso che i terreni erano inequivocabilmente di proprietà del Comune Borbona e che sugli stessi vigeva e vige il divieto assoluto di pascolo, come recita un’apposita ordinanza.

La conclusione delle indagini ha portato alla denuncia, quindi, di due persone, titolari di altrettante Aziende Zootecniche della zona, risultate proprietarie dei bovini in questione, ipotizzando il reato di pascolo abusivo ed altre fattispecie correlate. In relazione al vigente divieto assoluto di pascolo sono state comminate sanzioni amministrative pari a 3.500 euro. Durante gli accertamenti esperiti è emerso che uno dei due allevatori aveva utilizzato dell’acqua pubblica senza aver ottenuto le autorizzazioni del caso. Per tale fattispecie è prevista una sanzione che va dai 3.000 ai 30.000 euro da definirsi a cura dell’Autorità Amministrativa competente.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori