Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Lazio, ok in commissione alle linee guida per i fondi ai piccoli Comuni

Due milioni in tre anni (suscettibili di incremento) per interventi di valorizzazione del patrimonio culturale. A brevissimo l’avviso

19/03/2019 16:29 

 

Elexos, Sinibaldi: «Ancora passi indietro»

© Daniele Sinibaldi

È tempo che il Mise apra una vertenza Rieti

15/03/2019 16:48 

 

Terremoto, Trancassini: «Delusi dal Governo per l'ulteriore rinvio scadenze»

Torrita

«Perché il commissario al sisma ha la metà dei poteri del commissario di Genova?»

13/03/2019 17:53 

 
 

 
   

 

 

Maselli: «L'ex ospedale Grifoni va ricostruito a Torrita di Amatrice»

 

Massimiliano Maselli
Massimiliano Maselli

 
 
virgolette

Bisogna ascoltare la voce che proviene da tutti i territori

     

di A. R.
martedì 26 febbraio 2019 - 16:50


«Come ho sostenuto durante l’audizione da me richiesta in Commissione Sanità, l’ospedale di Amatrice, l’ex Grifoni, va ricostruito a Torrita di Amatrice lungo la via Salaria. Questa è la scelta più funzionale e strategica per rispondere alle esigenze di tutta la Comunità Montana, con l’aggiunta di Leonessa e Montereale, che in più occasioni hanno manifestato la ferma contrarietà alla ricostruzione dell’ospedale dove era prima del terremoto. Scelta, quest’ultima, su cui insiste la Regione Lazio dietro richiesta del comune di Amatrice, assecondando così qualche personalismo a livello locale per avere magari in cambio un sostegno, seppure ad intermittenza, ai provvedimenti che arrivano in Consiglio regionale. Bisogna invece ascoltare la voce che proviene da tutti i territori e bloccare il tentativo di voler far prevalere la volontà di pochi rispetto ad un’intera collettività che chiede, in maniera forte e motivata, di ricostruire l’ospedale a Torrita di Amatrice». Lo dichiara il capogruppo regionale di Noi con l’Italia Massimiliano Maselli.

«Siamo ancora in tempo per bloccare quella che appare chiaramente come una grave e scellerata scelta politica, ma serve una grande mobilitazione che coinvolga tutti i comuni dell’area svantaggiata, il sindaco di Rieti, il presidente della provincia reatina, i parlamentari eletti sul territorio, i consiglieri provinciali e regionali, i sindacati, il mondo dell’associazionismo. Bisogna però - conclude - fare in fretta».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori