Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Mafie, Sinibaldi: «La lotta quotidiana è dovere di ogni italiano onesto»

Un momento della manifestazione

Oggi il corteo contro le mafie organizzato da «Libera»

21/03/2019 12:24 

 

Amatrice: riaperta la ‘zona rossa’

© Corso Umberto I aperto al traffico

Di Berardino-Valeriani: l’area consegnata al Comune

21/03/2019 12:20 

 

Calcio, Rieti – Viterbese: denunciati due tifosi

© Lo stadio Manlio Scopigno

Due ultras viterbesi nei guai: lanciarono un sasso contro due mezzi della Polizia di Stato

21/03/2019 08:02 

 
 

 
   

 

 

Accumoli, notte folle nel villaggio SAE

 


 
 
virgolette

Ubriaco litiga con la compagna, devasta il suo alloggio poi si scaglia contro i carabinieri brandendo una motosega: arrestato

     

dalla Redazione
venerdì 22 febbraio 2019 - 10:28


Notte di follia ad Accumoli, nella tranquilla area SAE di Libertino, villaggio composto da moduli abitativi provvisori sorto dopo i crolli causati dal sisma del 2016. Qui un giovane rumeno, in preda agli effetti dell’alcool, dopo aver avuto un litigio per futili motivi con la propria giovanissima compagna italiana, l'ha aggredita devastando completamente il modulo abitativo ove abitavano.

La donna, dopo lunghi attimi di terrore trascorsi chiusa in casa con l’uomo, è riuscita a chiamare il 112 e a farsi soccorrere da una pattuglia di carabinieri del 5^ Reggimento Bologna i quali, essendo sempre presenti in servizio di ordine pubblico presso l’area terremotata in ausilio all’arma territoriale, sono subito intervenuti, coadiuvati anche da una pattuglia della compagnia carabinieri di Rieti, anch’essa impiegata in analoga servizio che viene assicurato dall’arma 24 ore su 24 sin dal verificarsi dell’evento sismico.

L’uomo, un operaio rumeno di appena 19 anni, in Italia da diverso tempo, alla vista dei militari ha dato in escandescenza scagliando sugli stessi la mobilia del modulo abitativo, minacciandoli ripetutamente e cercando di aggredirli brandendo in successione un’accetta per il taglio della legna e due grosse motoseghe. La ferma professionalità e la preparazione dei militari intervenuti ha permesso di disarmare l’uomo, di togliergli dalla sua disponibilità ogni oggetto pericoloso e di immobilizzarlo, bloccandolo senza che lo stesso riportasse lesioni e allo stesso tempo scongiurando peggiori conseguenze per gli operanti e per la giovane donna presente.

La folle nottata terminava con l’arresto del giovane, già conosciuto alle forze dell’ordine per illeciti connessi all’uso di sostanze stupefacenti. Egli è stato quindi condotto presso la caserma carabinieri di Accumoli per le formalità di rito, al termine delle quali, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, a disposizione della Procura della Repubblica presso il tribunale di Rieti, dovendo rispondere dei reati di resistenza, violenza e minacce gravi a pubblico ufficiale.

Le due motoseghe e l’accetta sono state sequestrate e saranno depositate presso l’ufficio corpi di reato della Procura stesa. Ieri mattina l’arrestato è comparso di fronte al giudice del tribunale di Rieti il quale ha convalidato l’arresto, confermando nei suoi confronti la misura cautelare presso la sua abitazione.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori