Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

BCC di Roma: 5 laureati della Provincia di Rieti premiati per meriti

Nel 2019 la Banca ha erogato nella Provincia di Rieti 2.250 euro sotto forma di premi di laurea. Si tratta del 20° anno consecutivo

16/07/2019 12:42 

 

Nuova edilizia scolastica antisismica, Cisl e Cgil: si accelerino i tempi

Paolo Bianchetti e Stefano Rinaldi

«Le scuole si costruiscano nuove e antisismiche, le risorse ci sono» dicono i due sindacalisti

16/07/2019 12:38 

 

Sanità, PD: la Regione Lazio investe 500 milioni in nuovi ospedali

189 milioni di euro per il nuovo ospedale di Rieti

16/07/2019 08:15 

 
 

 
   

 

 

Sanità, non tutto è da gettare nel cestino. Per il de Lellis ancora apprezzamenti

 

© L'ospedale San Camillo de Lellis
© L'ospedale San Camillo de Lellis

 
 
virgolette

Lettera aperta di due genitori che hanno passato momenti di disperazione

     

dalla Redazione
giovedì 7 febbraio 2019 - 09:11


Caro direttore, siamo i genitori di Gaia, 18 mesi , appena guarita da una brutta broncopolmonite, e vogliamo raccontare quanto sono stati professionali, efficienti e umani - in una parola: bravi! - i medici e gli infermieri del reparto di Pediatria del de Lellis. E questo nonostante la scarsità di mezzi in cui si trovano ad operare e i numerosi bambini ricoverati, in queste settimane di picco influenzale stagionale. Siamo arrivati all'ospedale di Rieti mercoledì 23 gennaio, dopo 4 giorni di febbre altissima della nostra bimba e nonostante il tempestivo ricorso al pediatra di famiglia, solo il pediatra ospedaliero, compresa la gravita della situazione, ha provveduto all'immediato ricovero.

La bambina è arrivata al reparto di Pediatria in condizioni critiche ed è stata immediatamente presa in cura e monitorata. Alle 3 di notte il suo quadro clinico era tale che siamo stati messi davanti all'evenienza di un trasferimento al reparto di terapia intensiva del "Gemelli" di Roma. Grazie alle cure immediatamente prestate e la presenza costante di medici e infermieri per monitorare la situazione, la 'nottata' è passata e sono cominciati i nostri dieci giorni di cure e di attesa al reparto, tra i pianti dei bambini ricoverati e il lavoro forsennato di medici e infermieri, che non hanno mai smesso di donare un sorriso a tutti, e del personale ausiliario, che ogni mattina, pur nella difficoltà di fornire lenzuola bucate o macchiate, donavano un materno sorriso con i loro occhi dolci.

In quel reparto sono insufficienti o sono obsolete anche attrezzature elementari, come aerosol e pulsossimetri, ma non manca nel personale diretto dal dottor Mauro De Martinis l'abnegazione, la professionalità, il senso di responsabilità e, cosa non secondaria in un reparto ospedaliero - e nel reparto dei bambini! - l'umanità. E se è giusto che la cronaca racconti le cose della nostra sanità che non funzionano - perchè magari siano organizzate meglio, non certo per demolire un servizio pubblico essenziale! - crediamo sia giusto che riporti anche episodi di buona sanità, come quella che abbiamo potuto riscontrare noi al reparto di Pediatria del de Lellis.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori