Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Karnhoval, con una mostra storico documentaria si torna al 1969

Parte della locandina originale

L'Archivio di Stato inaugura oggi in sede l'evento

16/04/2019 08:30 

 

Next Ri-Generation: oltre 200 giovani a Rieti

A maggio la prima maratona digitale sulla sismicità e sul futuro delle aree interne

16/04/2019 08:18 

 

Otto film e uno spettacolo teatrale nel cartellone di 'Sabina in prima fila'

Il bel film europeo "Cold War" e "Una spina nella carne" per il teatro le novità dal 12 al 14 aprile

12/04/2019 09:26 

 
 

 
   

 

 

Ritorna il carnevale 'ndreocanu tra carri allegorici e il rito dei dodici mesi

 


 
 
virgolette

Un appuntamento tra storia, tradizione e contemporaneità

     

di Luca Cipolloni - vicesindaco Antrodoco
mercoledì 30 gennaio 2019 - 09:45


Nella suggestiva cornice della Valle del Velino, dove tradizioni popolari e cultura offrono ai visitatori sempre nuove occasioni di scoperta, il Sabato 23 Febbraio, Sabato 2 Marzo e Martedì 5 Marzo ad Antrodoco si festeggia il carnevale. Un calendario ricco di appuntamenti che permetterà di trascorrere giornate felici e divertenti. Occasioni per ogni gusto: dolci tipici, carri allegorici e l’immancabile rappresentazione dei 12 Mesi. Vi aspettiamo nel nostro bellissimo borgo nel cuore d’Italia.

Si partirà  Sabato 23 Febbraio con il classico veglione organizzato dalla Pro Loco di Antrodoco, per passare alla sfilata dei carri allegorici con il rito dei 12 Mesi nelle vie della cittadina ed arrivare al Martedì Grasso del 5 Marzo con la rappresentazione del Carnevale Morto, con cui si saluta il Carnevale 2019 e si entra nella Quaresima con la fine dei festeggiamenti.

il «Carnevale 'ndreocanu» è un appuntamento tra storia, tradizione e contemporaneità. La rappresentazione de “I Dodici Mesi” è un’antichissima tradizione Antrodocana che da sempre si svolge negli ultimi giorni di carnevale secondo uno schema abbastanza diffuso in tutto l’Abbruzzo. È un rito propiziatorio che segna il passaggio dall’Inverno, con tutte le incognite che in un’economia contadina poteva un tempo rappresentare, alla Primavera con le sue promesse di rinascita e voglia di vivere. I dodici mesi sfilano su cavalli, muli e somari, preceduti dal padre, il Gran Vecchio.

Nessuna figura della rappresentazione accenna movenze di danza, rivelando il carattere solenne che infondo la cerimonia intende avere. Accanto a questo rito solenne, il Carnevale 'Ndreocanu affianca le antiche maschere della tradizione locale: “Rocchittu e mirellu”, ironico e provocatorio, amante delle belle ragazze e della danza, va per la strada con addosso un campano dicendo: «Quanno sòna lu campanellu, allora balla Rocchittu e Mirellu»; «Purginella» che indossa un copricapo a forma di gallo, simbolo di potenza sessuale. Al rito si aggiungono colorati e rumorosi carri allegorici.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori