Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Dalla diocesi un sussidio per vivere in casa la Settimana Santa

Online la pubblicazione «Dove vuoi che prepariamo per celebrare la Pasqua?»

31/03/2020 13:34 

 

Donne con le penne alla biblioteca di Montopoli

Elisabetta De Palo

Ancora un sabato di cultura il 7 marzo nel borgo Sabino che vuole rinascere e avere futuro

02/03/2020 16:12 

 

Premio Golden Aster Book, vince Maria Grazia Di Mario

I vincitori

La scrittrice e giornalista reatina si aggiudica il premio con «La donna senza testa»

24/02/2020 17:56 

 
 

 
   

 

 

Premio letterario, primo incontro con Dario Pontuale

 

Dario Pontuale
Dario Pontuale

 
 
virgolette

Alla Biblioteca Paroniana l'evento condotto dall'Assessore alla cultura Gianfranco Formichetti

     

dalla Redazione
mercoledì 23 gennaio 2019 - 10:31


Sarà lo scrittore Dario Pontuale con il romanzo “Certi ricordi non tornano” (Cartacanta), ad aprire, venerdì 25 gennaio alle ore 17 presso la Biblioteca Paroniana, l'undicesima edizione del Premio Letterario Città di Rieti Centro d’Italia, organizzato dall’Assessorato alla Cultura e dalla Biblioteca Comunale con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Anche per questa edizione è stata promossa l'iniziativa “Adotta un libro” in collaborazione con cinque Istituti superiori (Liceo Artistico A. Calcagnadoro, ITE Luigi di Savoia, Istituto Magistrale Elena Principessa di Napoli, Liceo Scientifico C. Jucci, I.I.S. C. Rosatelli).

Lo scrittore romano studioso di letteratura otto-novecentesca è autore dei romanzi La biblioteca delle idee morte, L'irreversibilità dell'uovo sodo, Nessuno ha mai visto decadere l'atomo di idrogeno. Ha curato edizioni di Flaubert, Maupassant, Conrad, London, Svevo, Salgari, Checov.

L’incontro sarà condotto dall'Assessore alla cultura Gianfranco Formichetti. Per ulteriori informazioni sul Premio:www.premioletterariorieti.it.

La Fortezza è una fabbrica di liquori ormai in disuso, compressa fra il Barrio e il Fiume. Tra i palazzi del quartiere periferico svetta il civico 49, ultimo baluardo di resistenza nei confronti della Panopticon, la società proprietaria dell’impianto che vorrebbe trasformare in un moderno centro commerciale. È qui che Michele, sedici anni, viene sorpreso a scrivere una grossa O con una A all’interno su un muro dell’edificio da Alfiero, un condomino con gli occhiali alla Pertini.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori