Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Canto a Braccio: a Roma il ricordo di Rinaldo Adriani, maestro dell'ottava rima

L'esibizione di Pietro De Acutis

All'Associazione Abruzzese di Roma presentato il libro sul cantore alla presenza dei poeti estemporanei dell'Alta Valle del Velino

22/05/2019 16:17 

 

Beni culturali del cratere: cerchiamo restauratori

San Giovannino di Cola dell’Amatrice

Sul sito della Fondazione Varrone il bando aperto fino al 10 giugno

22/05/2019 16:07 

 

«Il coraggio e la paura», ai canapi la II edizione del Premio letterario Filippo Sanna

Un momento dell'evento dello scorso anno

Sarà ancora il Teatro Flavio Vespasiano ad ospitare l’associazione “Il sorriso di Filippo” per la cerimonia di premiazione

21/05/2019 08:56 

 
 

 
   

 

 

Lo scrittore Mirko Zilahy a Rieti per Giallo al Centro Off

 

Mirko Zilahy
Mirko Zilahy

 
 
virgolette

Domenica 13 gennaio alle ore 18 al Sazerac Caffé

     

dalla Redazione
venerdì 11 gennaio 2019 - 10:01


Ad aprire gli appuntamenti OFF del 2019 di Giallo al Centro sarà lo scrittore Mirko Zilahy, a Rieti domenica 13 gennaio, ore 18.00 Sazerac Caffé, dove incontrerà i lettori per presentare il suo libro “Così crudele è la fine” ultimo di una trilogia iniziata con “È così che si uccide” e proseguita con il secondo romanzo “La forma del buio”.

Mirko Zilahy, classe 1974, è da sempre legato alla scrittura. Dopo una laurea in Lingue e Letterature straniere con una tesi sul Dracula di Bram Stoker, si è trasferito in Irlanda per un dottorato di ricerca su Giorgio Manganelli. Al Trinity College di Dublino, ha insegnato Lingua e Letteratura italiana. Al suo ritorno ha lavorato in ambito editoriale come editor, traduttore e redattore.

Poi, nel 2015, ha deciso di passare dall'altra parte della barricata, esordendo con un romanzo apprezzato e tradotto anche oltre i confini nazionali, primo capitolo della "trilogia degli spettri" che ha per protagonista il commissario Enrico Mancini di cui l'autore dice: «È nato da uno scarabocchio su un'agendina: un volto e un paio di guanti di pelle. I guanti erano quelli di Tony Curtis in Attenti a quei due. Piano piano gli ho costruito una storia attorno. Potente e dolorosa. La mia».

Ad organizzare l'incontro l'Associazione culturale Macondo, ideatrice di Giallo al Centro – Festival del Giallo e del Noir, in partnership con l'Alessandro Rinaldi Foundation con cui l'associazione ha già collaborato a novembre per l'aperitivo in giallo che ha portato al Depero Club la scrittrice siciliana Barbara Bellomo a presentare “Il peso dell'oro”.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori