Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Canto a Braccio: a Roma il ricordo di Rinaldo Adriani, maestro dell'ottava rima

L'esibizione di Pietro De Acutis

All'Associazione Abruzzese di Roma presentato il libro sul cantore alla presenza dei poeti estemporanei dell'Alta Valle del Velino

22/05/2019 16:17 

 

Beni culturali del cratere: cerchiamo restauratori

San Giovannino di Cola dell’Amatrice

Sul sito della Fondazione Varrone il bando aperto fino al 10 giugno

22/05/2019 16:07 

 

«Il coraggio e la paura», ai canapi la II edizione del Premio letterario Filippo Sanna

Un momento dell'evento dello scorso anno

Sarà ancora il Teatro Flavio Vespasiano ad ospitare l’associazione “Il sorriso di Filippo” per la cerimonia di premiazione

21/05/2019 08:56 

 
 

 
   

 

 

Teatro Flavio da record. Tutto esaurito per l’avvio della Stagione

 

Massimo Dapporto
Massimo Dapporto

 
 
virgolette

Boom abbonamenti in attesa del prossimo appuntamento con «Melampo» di Ennio Flaiano

     

dalla Redazione
giovedì 3 gennaio 2019 - 09:27


Strepitosa partenza della Stagione Teatrale al Flavio Vespasiano. Ieri sera, in occasione del primo spettacolo della Stagione, “Un Borghese Piccolo Piccolo” con Massimo Dapporto per la regia di Fabrizio Coniglio, è stato registrato il sold out al Teatro Flavio Vespasiano. Il prossimo appuntamento, in programma il 19 gennaio, sarà una prima nazionale che vedrà protagonisti Carlo Lizzani, Stefano Messina e Claudia Crisafiocon con la regia di Massimo De Rossi in “Melampo”, scritto in forma di sceneggiatura tra il 1966 e il 1967 da Ennio Flaiano.

«La grande cultura è tornata al Flavio Vespasiano e, soprattutto, è tornato il grande pubblico che ha risposto in maniera eccezionale – dichiarano il Sindaco, Antonio Cicchetti, e l’assessore alla cultura, Gianfranco Formichetti – Per il primo spettacolo della stagione, lo strepitoso Borghese Piccolo Piccolo con Massimo Dapporto, è stato registrato il tutto esaurito in ogni ordine di posti. A questo strepitoso risultato si aggiunge quello ancora più eclatante del record storico di abbonamenti, arrivati a quota 393. Grazie alla Città di Rieti per aver compreso il nostro sforzo e aver condiviso quanto messo in campo, apprezzando e partecipando. La cultura è di casa a Rieti e la gente evidentemente, con buona pace di qualcuno, dimostra di pensarla come noi».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori