Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Lazio, Tripodi: la Lega sostiene la legge Pirozzi sul rischio sismico

Orlando Angelo Tripodi

«Una proposta di legge in cui sono previste alcune misure innovative»

14/11/2018 18:57 

 

«In merito al comunicato M5S sui rapporti tra Lodovica Rando e +Europa»

Marco Giordani

Appuntamenti, date e precisazioni sui fatti

06/11/2018 14:30 

 

Refrigeri, Giunta e Consiglio regionale vicini alle zone colpite dal sisma

© Fabio Refrigeri

Stanziati dalla Regione 5 milioni di euro per aiutare le piccole imprese operanti nei 15 Comuni del Cratere sismico

02/11/2018 18:25 

 
 

 
   

 

 

Salaria, Lorenzoni: «Andremo a parlare con Anas, servono interventi subito»

 

Gabriele Lorenzoni
Gabriele Lorenzoni

 
 
virgolette

«Nessun “raddoppio” tra San Giovanni Reatino e Ornaro è cantierabile in tempi brevi»

     

dalla Redazione
venerdì 2 novembre 2018 - 18:30


«Sulla Salaria sono pronto a fare una “operazione verità” in cui spiegherò per filo e per segno gli interventi effettivamente previsti nel Contratto di Programma 2016-2020 tra ANAS e Ministero delle Infrastrutture e quelli presenti nel libro dei sogni del piano Delrio, presentato a Rieti nell’ottobre 2017». A dirlo, in una nota è il deputato del Movimento 5 Stelle Gabriele Lorenzoni.

«Attualmente l’unico tratto realisticamente cantierabile, ma finanziato solo in minima parte, come ho detto anche nel mio intervento alla Camera dei Deputati, - aggiunge - è quello tra Ornaro e Ponte Buita, dal km 56 al km 64, che comprende l’ormai tristemente noto km 60, dove è avvenuto il grave incidente di domenica che ha causato 4 morti. Servono quindi soldi e servono subito. Le promesse elettorali hanno le gambe corte».

«Nessun “raddoppio” tra San Giovanni Reatino e Ornaro è attualmente cantierabile in tempi brevi, poiché non presente nel Contratto di Programma. Andremo a parlare nei prossimi giorni proprio con la direzione tecnica di ANAS, così come abbiamo fatto con l’ispezione della galleria Valnerina, per esporre cosa si può fare, nell'immediato, per mettere in sicurezza i tratti più critici (asfalto drenante, segnaletica complementare luminosa, telecamere di sicurezza ecc), e - conclude Lorenzoni - proporre interventi per il futuro, sperando di ottenere delle risposte soddisfacenti».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori