Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Al via l’edizione 2020 de «Il Piccolo Cammino»

©

Sei tappe dal 5 luglio al 20 settembre del Cammino di Francesco per i piccoli

03/07/2020 19:31 

 

Dopo quattro mesi di silenzio primo week end con musica e teatro in città

Al via la rassegna messa a punto dalla Fondazione Varrone

02/07/2020 19:41 

 

Camminando nella storia, al via l’estate Borbontina

© Borbona

Borbona e il suo territorio dal 4 luglio al 30 ottobre

02/07/2020 09:00 

 
 

 
   

 

 

Concerto dell’Ensemble Quintessenza al Festival Francescano

 

Sandro Sacco
Sandro Sacco

 
 
virgolette

Un viaggio nella musica barocca con Sandro Sacco, Ornella Bucchignani, Antonella Bellavia e Daniela Bellavia

     

dalla Redazione
sabato 13 ottobre 2018 - 08:52


Domenica 14 ottobre alle ore 10.30 presso la Chiesa di San Francesco, in occasione della prima edizione del Festival Francescano di Rieti, iniziativa promossa dall’ODV Con Francesco nella Valle, concerto a cura dell’Ensemble Quintessenza di Sandro Sacco (Flauto traversiere), Ornella Bucchignani (Clavicembalo), Antonella Bellavia (Soprano) e Daniela Bellavia (Violoncello).

L’Ensemble proporrà un viaggio nella musica barocca con opere di J. M. Hotteterre, A. Vivaldi, J. S. Bach, C. P. E. Bach, G. F. Haendel e molti altri. Inoltre, sarà eseguita un’opera del compositore reatino Antonio Rina (1708-1793), Accademico Filarmonico, in servizio come maestro di cappella nella Cattedrale di Rieti per più di cinquant’anni, che ha lasciato circa un centinaio di pregevoli composizioni. Il suo stile è ascrivibile alla scuola napoletana, infatti, fu allievo del grande Leonardo Leo.

La Cattedrale di Rieti conserva un fondo musicale costituito da circa duemila manoscritti, la cui catalogazione, realizzata più di trent'anni fa, dal Prof. Salvatore De Salvo, è in corso di revisione e riversamento on line per conto di Angelo Fusacchia, su incarico del RISM (Rèpertoire International des Sources Musicales). La ricerca ha restituito un’enorme quantità di dati estremamente interessanti, mettendo a fuoco una realtà culturale finora pressoché sconosciuta.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori