Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Mep Radio, in diretta il Consiglio regionale dell'Umbria

L'aula di Palazzo Cesaroni

Si potrà seguire la trasmissione anche in streaming audio

18/05/2019 07:03 

 

Agrichef Festival: ad Amatrice la finale nazionale

L'Area Food di Amatrice

L'evento promosso da Turismo Verde-Cia in collaborazione con gli studenti dell’Alberghiero di zona

17/05/2019 20:11 

 

Copagri Lazio: arriva nei negozi la 'salsa amatriciana tradizionale'

Palombini, salvaguardata l'origine della ricetta. Colasanti, parte del ricavato alla ricostruzione

16/05/2019 16:01 

 
 

 
   

 

 

Peschiera, Pacetti: commemorati i 43 operai morti nella costruzione dell'acquedotto

 

Un momento della cerimonia (foto Massimo Renzi)
Un momento della cerimonia (foto Massimo Renzi)

 
 
virgolette

Il consigliere capitolino M5S: «Il Peschiera è parte integrante della nostra storia»

     

dalla Redazione
giovedì 11 ottobre 2018 - 17:46


«Ricordare i 43 operai morti durante la costruzione dell'acquedotto del Peschiera è un atto doveroso. Ieri sono stato in provincia di Rieti per prendere parte alla commemorazione religiosa presso le sorgenti del Peschiera. Voglio ricordare a tutti i cittadini romani che è grazie anche al loro lavoro che oggi l'acquedotto può soddisfare l'80% del fabbisogno idrico della Capitale». Lo scrive su facebook Giuliano Pacetti, consigliere capitolino M5s.

«Ho avuto anche l'occasione di visitare la centrale e di partecipare all'inaugurazione della mostra '80° Acquedotto del Peschiera', parallela alla mostra 'gemella' ospitata al Palazzo delle Esposizioni a Roma fino al 4 novembre, - prosegue Pacetti - che consente, a chiunque voglia di ripercorrere gratuitamente la storia di quest'opera, attraverso documenti originali, installazioni e video d'epoca. Il Peschiera è parte integrante della nostra storia. La notizia della realizzazione del suo raddoppio a partire dal 2020 mi riempie di orgoglio: verrà costruita un'altra grande opera e si potrà poi intervenire in maniera efficace nella manutenzione del primo acquedotto risolvendo i problemi della dispersione idrica una volta per tutte e mettendo in sicurezza sul fronte idrico la Capitale per i prossimi cento anni».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori