Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Giornate europee del Patrimonio, a Rieti la cultura dove non te l’aspetti

Incontro all’Archivio di Stato sul patrimonio di frontiera della provincia reatina

17/09/2018 19:28 

 

Per chi suona la campanella

All’Artistico l’inizio della scuola con i progetti 'Porte aperte'

11/09/2018 10:04 

 

Performance di rilievo del Musi’ trio ad ARTEr.i.e.

A Cantalupo Sabino proposto un mix esplosivo di pura musica

08/09/2018 14:46 

 
 

 
   

 

 

Borbona, pronta la XIII edizione del Canto a braccio

 


 
 
virgolette

Veste del tutto rinnovata per l'appuntamento più importante del centro Italia

     

di Nando Giammarini
mercoledì 12 settembre 2018 - 09:24


Il festival del canto a braccio di Borbona, ridente cittadina dell’alta Valle del Velino al confine con l’Abruzzo aquilano, si terrà, i prossimi 14, 15, 16 settembre. È la XIII edizione. Un simile evento culturale genera sempre emozioni, sia tra gli estempori cantori, che tra i numerosi partecipanti, che ogni anno si ritrovano ad ascoltare la poesia improvvisata: un misto di cultura e tradizione popolare, spontaneità e sensibilità.

È un'insieme di bravura, dono di natura, sensibilità di estempori cantori ed un tipico aspetto della società agro- pastorale di una volta. Una forma di cultura, oserei dire una tradizione popolare che trae origine dal XV secolo e raggiunge i giorni nostri grazie all'impegno ed alla dedizione di tata gente soprattutto giovane che la segue con passione ed impegno.

La vita contadina, soprattutto quella dell'Alto Aterno e del Velino, pur essendo segnata da problemi e sacrifici , soprattutto in inverno alle prese con le tante insidie metereologiche non mancava di momenti lieti con la presenza di poeti in ottava rima che si esibivano nelle festose circostanze quali ricorrenze, matrimoni e nelle osterie. Unica occasione di svago e misera alternativa ad una vita raminga.

In questo clima fatto di partecipazione e divertimento torna il festival regionale del Canto a Braccio di Borbona giunto alla XIII edizione. Lo stesso , lo ricordiamo per dovere di cronaca, fu realizzato grazie al 'impegno dell'assessore alla cultura del Comune di Borbona, Domenico Corgentile ed alla ferrea volontà dello scomparso Sindaco Antonio Durante alla cui memoria rivolgo il mio personale saluto. Con affetto e riverenza.

La spettacolare manifestazione poetica -è stata possibile anche quest'anno grazie alla determinazione dell'Amministrazione Comunale di Borbona guidata dal Sindaco, Maria Antonietta Di Gaspare che si è avvalsa del prezioso ausilio di un grande appassionato di questo genere poetico: Maurizio Ragni ed alla collaborazione dell' Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, della Comunità Montana del Velino, della locale Pro Loco - si è perfezionata fino ad assumere un grande rilievo nel contesto culturale non solo della Regione Lazio ma anche dell'Abruzzo e della Toscana.

E’ davvero il caso di dire che si tratta di un incontro di popolo volto a valorizzare e mantenere in auge quel nobile patrimonio di tradizioni e arte esistenti che penetra nell’animo umano con il suo carico di bontà e dolcezza rivolta a tutte le età e ad ogni ceto sociale. Basta saperla interpretare in modo spontaneo e semplice, affinchè quel bagaglio di conoscenze diventi un “sentire comune”. Esso ci trasporterà nei vari sentieri della vita, dando nuova linfa e sprint alla cultura agreste, alla montagna, all’antica civiltà agro - pastorale dell’Alta Valle del Velino, del Tronto, dell’Aterno e della Maremma Toscana, che sono stati la culla del canto a braccio. L'assoluta novità di quest'anno è che si ricrea l'antico clima in cui proliferava il canto a braccio.

Quello da osteria che non prevede presentazione alcuna né temi a contrasto ma la completa autogestione dei poeti che parteciperanno. Sarà una 24 ore ininterrotta di poesia estemporanea in cui sarà data anche ai giovani emergenti in questa nobile arte la possibilità di esibirsi liberamente. Altra importante novità è che sabato 15 alle ore 16.00 i poeti si recheranno alla Rsa S. Raffaele di Borbona, i cui anziani ospiti sono tutti del circondario quindi ben conoscono il canto a braccio, per fargli trascorrere delle ore spensierate.

Questo mi pare sia una bella azione di solidarietà degna della sensibilità e della generosità dei poeti estemporanei da sempre vicini alla gente e alla poesia. Tra gli altri interverranno: Michela Benedetti, Pietro Benedetti, Marco Betti, Ezio Bruni, Marco Calabrese, Pietro Casini, Alessio Checchi, Paolo Cioni, Donato De Acutis, Pietro De Acutis, Giampiero Giamogante, Marinella Marabissi, Francesco Marconi, Irene Marconi, Marcello Patrizi, Berardino Perilli, Giuseppe Ranucci , Alessio Runci, Paolo Santini, Francesco Tomassetti, Dante Valentini.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori