Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Fondi UE, Pirozzi: Zingaretti smentito dai dati ufficiali della Commissione Europea

Sergio Pirozzi

La gestione della Regione Lazio rallenta lo sviluppo e mette in pericolo l’esistenza di molte imprese

11/12/2018 09:35 

 

Regione: «Concluse le procedure urbanistiche nei comuni colpiti dal sisma»

Al termine l'attività di verifica per i centri storici e per tutte le frazioni dei 6 Comuni del Lazio danneggiati dal sisma

04/12/2018 13:31 

 

Una nuova pista ciclabile dalla Terminillese a Viale Fassini

Proposta congiunta Comune-Provincia di Rieti

03/12/2018 19:06 

 
 

 
   

 

 

Via Garibaldi nel degrado

 


 
 
virgolette

Non si scandalizzi se qualcuno difenderà il proprio diritto a vivere secondo le regole ed i costumi della nostra civiltà

     

di Chicco Costini
giovedì 6 settembre 2018 - 08:49


Quando poco più di un mese fa manifestammo sotto lo stabile di via Garibaldi, chiedendo l’allontanamento dei migranti, venimmo tacciati, dai buonisti in servizio permanente, di razzismo e xenofobia. La realtà di questi giorni dimostra che avevamo ragione, e che il degrado di una delle vie principali del nostro centro storico avanza senza che nessuno intervenga in modo risolutivo.

In medicina è chiaro il concetto che prevenire è meglio che curare, concetto che può tranquillamente essere traslato nella gestione della sicurezza sociale. In via Garibaldi si è oramai creata un’enclave di alogeni, di molti dei quali non si conosce neanche lo stato giuridico, si è insediato un luogo di culto la cui origine è quantomeno oscura, la sera si vedono comparire materassi dentro e fuori questa fantomatica “chiesa”, personaggi si aggirano con fare sospetto in parte nascosti nei vicoli o dietro le macchine parcheggiate.

Non sciogliere questo nodo significa attendere che avvengano episodi come quello di ieri. Ma attenzione non sempre le vittime saranno donne indifese o ragazzi della generazione erasmus, disponibili a subire senza reagire: in assenza di un intervento delle istituzioni, se qualcuno difenderà il proprio diritto a vivere secondo le regole ed i costumi della nostra civiltà, nessuno poi si scandalizzi.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori