Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Applausi alla sfilata di moda di Amatrice

Anche così il paese prova a ripartire

19/08/2018 10:41 

 

Terminillo Circus, un successo la prima edizione

Minimoto, artisti di strada e musica il cocktail proposto ai tanti turisti

19/08/2018 08:32 

 

Cittaducale, lavori di riqualificazione alla basilica di Santa Maria di Sesto

Leonardo Ranalli

Presentato ai numerosi intervenuti il rilancio dell'area

18/08/2018 09:17 

 
 

 
   

 

 

Regione: prosegue l'iter per la ricostruzione nei comuni colpiti dal sisma

 

©
©

 
 
virgolette

Dopo Borbona, Cittareale, Leonessa e Posta eliminate le perimetrazioni urbanistiche anche nelle frazioni di Capricchia, Retrosi e Sommati ad Amatrice

     

dalla Redazione
mercoledì 8 agosto 2018 - 07:32


Proseguono le deperimetrazioni delle frazioni e dei Comuni colpiti dal sisma: dopo l’approvazione in Giunta delle delibere regionali relative ai Comuni di Borbona, Cittareale, Leonessa e Posta, la direzione regionale all’Urbanistica ha predisposto quelle per eliminare le perimetrazioni urbanistiche anche nelle frazioni di Capricchia, Retrosi e Sommati ad Amatrice.

In queste aree potrà essere avviata la ricostruzione, secondo quanto richiesto nell’ambito delle osservazioni, direttamente da parte dei proprietari con tempi e procedure più snelle.

Finora sono 4 i Comuni e circa 25 le frazioni deperimetrate nei centri colpiti dal terremoto, dove potranno partire i lavori di riqualificazione, in collaborazione con il Servizio Geologico e Sismico regionale, che ha evidenziato l’insussistenza di problemi geomorfologici di rilievo. Terminata la fase emergenziale, è in via di conclusione la rimozione delle macerie: è entrata in funzione anche la macchina tritovagliatrice, che permetterà di separare accuratamente i materiali e completare gli interventi di recupero e smaltimento delle macerie nel centro di Amatrice.

I lavori proseguiranno senza interruzione per tutto il mese di agosto, sabato compresi, mentre domani e dopodomani i tecnici della Sovrintendenza effettueranno il sopralluogo per mappare le macerie di tipo A e B, vale a dire con possibile valenza storica e archeologica, per procedere poi alla loro rimozione attraverso il bando di gara per un appalto da 12 milioni di euro già pubblicato. Lo comunica in una nota la Regione Lazio.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori