Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Carceri, nuova rissa a Rieti

© Il nuovo carcere di Rieti

Sappe: il ministro Bonafede mandi gli ispettori

13/06/2019 20:38 

 

Fondi Lazio, Gdf: danno erariale per oltre 1 mln di spese

Diversi gli esponenti politici indagati in carica al Consiglio regionale del Lazio tra il 2010 e il 2013

13/06/2019 18:34 

 

Terremoto: scossa di 3.0 ad Amatrice, nessun danno ma continuano le verifiche

Epicentro Nommici ad una profondità di circa 12 chilometri

10/06/2019 16:00 

 
 

 
   

 

 

Accumoli, Petrucci: ho chiesto alla Raggi di aiutarci con il Governo

 


 
 
virgolette

«Ci aspettavamo un po' di più da questo decreto» ha detto il sindaco

     

dalla Redazione
venerdì 3 agosto 2018 - 18:19


«Oggi con il sindaco Raggi abbiamo avuto l'opportunità di portare sul tavolo alcune esigenze che dovranno essere recepite dalla normativa affinché si possano servire gli iter burocratici attraverso le cose che avevamo chiesto con gli emendamenti alla conversione del decreto legge sul terremoto che purtroppo non sono stati recepiti totalmente. Speriamo che a settembre si possa aprire un tavolo dove i sindaci possono essere protagonisti. Abbiamo chiesto alla Sindaca di aiutarci nell'interlocuzione con il nuovo governo». Lo ha detto il sindaco di Accumoli, Stefano Petrucci, a margine della visita della sindaca di Roma, Virginia Raggi, ad Amatrice e Accumoli.

Petrucci ha poi spiegato ai cronisti che cosa i sindaci del comuni colpiti dal sisma avrebbero voluto dal Governo: «Noi con gli uffici speciali per la ricostruzione di tutte le regioni interessate avevamo chiesto lo snellimento per le sanatoria perché non ci scontriamo con una realtà di fatto in cui ogni fabbricato di per sé ha dei piccoli abusi che purtroppo devono essere sanati. Perché non è che possiamo rallentare la ricostruzione per questo. Parliamo di piccole difformità».

«Ci aspettavamo un po' di più da questo decreto - ha concluso - perché avevamo lavorato tanto per snellire questi iter, ma purtroppo nella legge di conversione del decreto i nostri emendamenti non sono stati recepiti».








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori