Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Gli allievi del Luigi di Savoia al Salone degli Orientamenti di Genova

«Si è trattato di un Orientamento di straordinaria valenza professionale e culturale» dichiara la professoressa Begi

16/11/2018 18:50 

 

Reate Festival, importante quartetto di sax e secondo appuntamento del liceo musicale

Il Quartetto di Sassofoni Accademia

Gershwin dal Quartetto di Sassofoni Accademia, una compagine unica nel suo genere e di grande qualità

15/11/2018 09:33 

 

Stagione Teatrale, straordinario programma per il Teatro Flavio Vespasiano

Tutti gli appuntamenti in cartellone

13/11/2018 14:28 

 
 

 
   

 

 

Rieti Sotterranea, gli acquarelli di «Sinergie Due» rafforzano il tour

 


 
 
virgolette

Il reatino nelle opere delle Signore della Pittura delle Langhe

     

dalla Redazione
martedì 26 giugno 2018 - 18:44


La visita di Rieti Sotterranea regala nuove sensazioni grazie alle opere esposte nella mostra “Sinergie Due” che dal 16 giugno al 16 agosto è ospitata negli ambienti di via Pellicceria 24 a Rieti.

Frutto di un gemellaggio artistico di pensiero e di emozioni tra la Sabina e le Langhe piemontesi, i lavori fondono l’acqua e la luce, magia dell’acquerello e delle atmosfere della Rieti Sotterranea. La mostra nasce dall’incontro tra gli Acquerellisti Sabini e le Signore della Pittura delle Langhe che, attraverso l’arte, hanno instaurato rapporti di amicizia e collaborazione.

Ogni opera che rappresenta gli angoli più suggestivi dell’itinerario archeologico reatino che tanto stupore produce nei visitatori, è accompagnata da un Haiku, espressione di una ispirazione improvvisa, come se l’emozione provata possa trasformarsi in un brivido o in un flash non descrive ma suggerisce molto.

Colui che si avvicina agli acquerelli deve essere pronto a lasciarsi trascinare dalle sensazioni che allusioni e reminiscenze provocheranno in lui. Gli Haiku presenti nella Rieti Sotterranea sono il frutto di “laboratori di parole” e osservazioni che si sono svolti presso la Biblioteca di Poggio Mirteto.

Ed è proprio osservando il territorio che riconoscono “gli altri”. Sarà la magia e la bellezza di questi acquerelli unita alla lettura degli Haiku a creare quella sintonia nel conoscere e riconoscere tutti, in un rapporto più armonioso con l’ambiente in cui vive, amandolo e rispettandolo come la propria eredità più preziosa.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori