Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Folco Terzani per la prima volta a Rieti e ad Amatrice

Folco Terzani

Il CAI di Amatrice organizza un evento pubblico con il figlio del celebre scrittore e giornalista

10/03/2019 13:36 

 

A Roma la presentazione del libro di Maria Grazia Di Mario

La copertina del libro

«Ho voluto dedicare il libro al regista Mario Monicelli» dice la giornalista reatina

05/03/2019 18:42 

 

Premio letterario, venerdì 22 febbraio il secondo incontro con l’autore

Margherita Loy

Alla Biblioteca Comunale di Rieti protagonista Margherita Loy

19/02/2019 12:22 

 
 

 
   

 

 

Grande Guerra. Un racconto in cento immagini

 


 
 
virgolette

Pubblicato dallo Stato Maggiore della Difesa un volume celebrativo del centenario della Grande Guerra con i contributi di Michele Antonilli e Mario Pietrangeli

     

dalla Redazione
domenica 24 giugno 2018 - 06:19


Nelle migliori librerie è disponibile il volume "Grande Guerra. Un racconto in cento immagini". Il testo, edito a cura dello Stato Maggiore della Difesa, è stato presentato al Salone del Libro di Torino e si avvale, fra gli altri, del contributo degli studiosi reatini Ing. Michele Antonilli e Gen. Mario Pietrangeli.

L'opera presenta cento fotografie, ognuna delle quali fornisce uno spunto per raccontare i principali attori, i fatti d'arme più rilevanti, gli eroi e le armi scesi in campo, ma anche le storie minori, la propaganda, i prestiti di guerra, i cappellani militari, i giornali di trincea, le storie minori e gli aspetti collaterali. Ogni immagine è accompagnata da brevi saggi curati da storici quali Alessandro Barbero e Gianni Oliva, ricercatori, giornalisti ed esperti militari.

In particolare "Le Ferrovie", primo scritto degli autori sabini, affronta il tema del trasporto verso il fronte orientale di centinaia di migliaia di uomini, mezzi e munizioni, oltre al sacrificio compiuto dai ferrovieri per assicurare nelle varie fasi del conflitto il necessario supporto logistico alle truppe italiane. Il secondo scritto, "I treni armati", invece è dedicato ai convogli ferroviari approntati sia dalla Regia Marina, muniti di artiglierie di calibro 76 mm e 152 mm e operanti tra il Canale d'Otranto e Ravenna quali efficace difesa mobile di quel tratto di costa italiana, sia dal Regio Esercito, con calibri 152 mm e 40 mm, impiegati per bombardare le zone operative del Carso Triestino.

Come ha dichiarato il Gen. Claudio Graziano, Capo di stato Maggiore della Difesa, «Quest'opera vuol essere un omaggio ai 650mila soldati caduti e ai 600mila civili che hanno perso la vita durante e dopo uno dei conflitti più spaventosi della Storia».








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori