Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Amatrice, due strutture sportive intitolate a Gianni Cicconi

Palombini: «Grazie agli Ultras, gesto meraviglioso»

18/09/2018 14:34 

 

Croce Rossa Italiana, rinnovato il direttivo del Comitato di Rieti

Mario Cristallini

La presidenza a Mario Cristallini, vice Francesco Maria Palomba

17/09/2018 19:33 

 

Banda ultralarga: se ne parlerà a «Ultranet@work Rieti»

Il 20 settembre un seminario gratuito della Camera di Commercio reatina

17/09/2018 19:24 

 
 

 
   

 

 

Sanità, Regione Lazio: presentato il rapporto Oasi 2017

 


 
 
virgolette

D’amato: «Nel Lazio raggiunto l’equilibrio finanziari,o ora miglioriamo la qualità dei servizi e delle liste d’attesa

     

dalla Redazione
domenica 10 giugno 2018 - 09:05


È stato presentato il nuovo Rapporto OASI 2017 dell’Osservatorio sulle Aziende e sul sistema sanitario italiano nella sede della Regione Lazio alla presenza dell’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria, Alessio D’Amato.

«Il Rapporto – ha spiegato D’Amato nel suo intervento – è una guida, una panoramica sulla situazione della sanità pubblica nel nostro Paese. Un punto di riferimento importante per quanto riguarda l’analisi dei cambiamenti in corso nella sanità adottando un approccio economico-aziendale. Nel Lazio abbiamo raggiunto un equilibrio finanziario che solo fino a qualche anno fa era difficile immaginare. Ora le sfide che abbiamo davanti a noi riguardano la qualità dei servizi, l’umanizzazione delle cure e la lotta alle liste d’attesa».

Nel Rapporto Oasi si evidenzia come la Sanità pubblica in Italia abbia raggiunto un sostanziale equilibrio finanziario. Nel 2016 si registra un disavanzo contabile pari a 329 mln di euro.

Il Sistema sanitario Nazionale (SSN) raggiunge un equilibrio economico finanziario a livello nazionale e nella maggior parte dei sistemi regionali. Calano anche le percentuali delle ospedalizzazioni inappropriate (meno in percentuale rispetto agli Stati Uniti, la Spagna e la Germania) e anche una riduzione dei parti cesarei (anche se rimane una procedura molto utilizzata) e un elevato utilizzo di antibiotici.

Buoni i dati anche per quanto riguarda l’aspettativa di vita e di buona salute con valori superiori a quelli del Regno Unito, Usa, Spagna, Germania e Francia. Emergono dei margini di miglioramento per quanto riguarda la mortalità evitabile, specialmente in termini di prevenzione primaria e secondaria e calano i tassi di copertura per i vaccini raccomandati che scendono al di sotto della soglia obiettivo del 95%.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori