Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Al via la caccia di selezione al capriolo nel territorio gestito dall’Atc Rieti2

«È un risultato lusinghiero sul piano gestionale» dichiara il presidente Gianfranco Gianni

15/09/2018 09:12 

 

Carabinieri, in Sabina ampio servizio di prevenzione

In campo 7 pattuglie impegnate, unità cinofile e utilizzo di un elicottero del 16^ NEC di Rieti

14/09/2018 14:17 

 

Rieti, al via la disinfestazione contro insetti nocivi alati

Dalle 23 alle 6 del 19 settembre prossimo

14/09/2018 14:13 

 
 

 
   

 

 

Grazie

 


 
 
virgolette

Lettera di ringraziamento alla U.O.C di Medicina, chirurgia, accettazione ed urgenza

     

di Annarita Zonetti
giovedì 12 aprile 2018 - 08:11


Mi chiamo Annarita Zonetti, sorella di Carlo il quale, a causa di una grave malattia, è rimasto ricoverato per un mese, nel periodo gennaio-febbraio 2018, nella U.O.C. Medicina Chirurgia Accettazione ed Urgenza dell’ospedale Camillo De Lellis.

Spesso la gente a Rieti e in provincia ti raccomanda: «se si tratta di una malattia seria, porta il tuo familiare a Roma». Io non l’ho fatto e oggi sono orgogliosa di questa decisione. Infatti a mio fratello, nella UOC del direttore Flavio Mancini, hanno salvato la vita e gli hanno permesso, dopo un mese di cure, di iniziare un percorso di riabilitazione.

È per questo che desidero ringraziare con tutto il cuore non solo il dottor Flavio Mancini, ma anche il suo staff (medici, infermieri e ausiliari), per la professionalità e competenza e, vorrei sottolineare, per l’umanità che ha permesso anche ai familiari del paziente di “vivere” in reparto senza troppi disagi e di ricevere risposte e informazioni chiare e puntuali.

Mi auguro, come cittadina, che la UOC, dove ho praticamente vissuto per un mese, insieme ad altri familiari, possa essere potenziata, così come tutto l’ospedale, che avrebbe bisogno finalmente di una sede più adeguata alla città di Rieti e alla sua provincia, perché non è giusto dover raggiungere Roma o Terni per potersi curare.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori