Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Ares 118, debutto ok per la nuova centrale unificata Rieti-Viterbo

© Elicottero Ares 118

Nelle prime 24 ore gestite 427 chiamate e 100 gli interventi effettuati

19/07/2018 18:21 

 

Anas: riapre domani la galleria 'Valnerina' sulla direttrice Terni-Rieti

La galleria Valnerina

Proseguono al contempo i lavori di ripristino che saranno ultimati entro settembre

19/07/2018 13:52 

 

Incidenti stradali, scontro frontale tra due auto: due feriti

L'incidente di poco fa

Sul posto anche i vigili del fuoco di Rieti

18/07/2018 16:12 

 
 

 
   

 

 

Fugge all'alt dei carabinieri, arrestato un albanese a Passo Corese

 

Il materiale trovato a bordo dell'auto
Il materiale trovato a bordo dell'auto

 
 
virgolette

Resistenza e lesioni a pubblico ufficiale i reati contestati ad un 42enne

     

dalla Redazione
venerdì 9 marzo 2018 - 09:52


Arrestato dai carabinieri dopo un lungo inseguimento ieri sera a Passo Corese un albanese di quarantadue anni incensurato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. I militari, impegnati in un servizio di prevenzione finalizzato a reprimere i reati contro il patrimonio, nel transitare all’interno della frazione di Borgo Quinzio del comune di Fara Sabina, avevano notato un’autovettura con targa italiana che si aggirava con fare sospetto ed i cui tre occupanti, alla vista dei carabinieri, apparivano alquanto allarmati.

La Lancia Lybra, di colore scuro, era stata segnalata nei giorni precedenti al 112 da diversi cittadini della zona, allorquando si erano verificati alcuni furti in abitazione. L’equipaggio, a mezzo dei segnalatori acustici e luminosi e con l’utilizzo della paletta d’ordinanza, ha intimato l’alt agli occupanti dell'auto i quali, per tutta risposta, acceleravano la marcia, tentando di far perdere le proprie tracce. Diffuso l’allarme, la centrale operativa di Poggio Mirteto ha fatto convergere sul posto altre quattro pattuglie allertando anche il comando di Monterotondo, poiché la direzione di fuga dei malviventi era verso la provincia di Roma.

Ma l’autovettura dei fuggitivi, sfrecciando ad alta velocità per le strade della bassa sabina, dopo alcuni chilometri è uscita di strada schiantandosi violentemente contro un muretto di recinzione di una abitazione su via Salaria vecchia del comune di Nerola. La fuga è quindi proseguita a piedi nelle campagne circostanti con i militari a seguito. Rincorsi per circa 600 metri, dopo una breve ed animata colluttazione, uno dei tre è stato bloccato e arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

La perquisizione dell'auto ha poi permesso di trovare tutti gli “attrezzi da lavoro”: un piede di porco, una mazzetta, grimaldelli, vari cacciaviti, guanti, berretti in lana e giubbotti per camuffarsi. Immediate indagini hanno permesso inoltre di accertare che l’odierno arrestato, insieme ai suoi complici riusciti a dileguarsi, risultava fortemente sospettato di essere l’autore di altri furti avvenuti in Sabina e nella provincia di Rieti nei mesi di febbraio e marzo 2018, fatti per i quali veniva è stato denunciato all’autorità’ giudiziaria.

L’automezzo utilizzato dai malviventi è stato sottoposto a sequestro al fine di rinvenire eventuali ed ulteriori tracce utili all’identificazione dei complici, le cui ricerche proseguono incessantemente.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori