Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

A Rieti presentato il libro di Cipolloni

Un momento della presentazione

«Un ritratto attento e sentimentale di un’epoca importante della storia locale»

29/07/2020 19:13 

 

A Rieti il libro 'Private, venti giornaliste nel tempo sospeso'

La presentazione a Passo Corese

La presentazione del libro, edito da Funambolo, sarà a Rieti sabato 25 luglio alle ore 18 al Polo culturale Santa Lucia

20/07/2020 18:41 

 

Osterie e ristoranti nella Rieti del Novecento, il libro di Antonio Cipolloni

Antonio Cipolloni e il suo libro

Presto nelle librerie ed edicole di Rieti

05/07/2020 09:54 

 
 

 
   

 

 

Aldo Cazzullo presenta a Rieti il libro «Metti via quel cellulare»

 

Aldo Cazzullo
Aldo Cazzullo

 
 
virgolette

L’editorialista de «Il Corriere della Sera» cimentato nella scrittura con i figli Francesco e Rossana

     

di David Fabrizi - Chiesa di Rieti
martedì 23 gennaio 2018 - 11:45


Domani, mercoledì 24 gennaio alle ore 17.30, presso l’Auditorium Varrone, Aldo Cazzullo presenterà il suo ultimo libro “Metti via quel cellulare”, pubblicato da Mondadori. Sarà un’occasione per riflettere sulla controversa ed attualissima tematica dell’invasione dei telefoni cellulari nelle nostre vite.

L’editorialista de «Il Corriere della Sera» si è cimentato nella scrittura insieme ai figli adolescenti Francesco e Rossana, esponenti della generazione «degli sguardi fissi sullo smartphone». Cazzullo dunque si rivolge ai propri figli ed a tutti i ragazzi: li invita a non confondere la vita virtuale con quella reale, a non bruciarsi davanti ai videogame, a non andare sempre in giro con le cuffiette, a non rinunciare ai libri, al cinema, ai concerti, al teatro; e soprattutto a salvare i rapporti umani con i parenti e i professori, la gioia della conversazione vera e non attraverso le chat e le faccine.

Francesco e Rossana rispondono, e gli suggeriscono di non fare prediche, ma di approfondire la realtà riflettendo sull’enorme opportunità fornita dalla tecnologia moderna: «possiamo leggere gli autori che preferiamo, comunicare con una persona di cui sentiamo la mancanza, soprattutto conoscerne di nuove. 

Non è vero che il telefonino ci isola dal mondo, ce lo crea. Possiamo decidere di stare soli, o possiamo decidere di stare con gli altri». Alla fine, le due posizioni opposte si avvicinano: attraverso storie ed esempi, padre e figli cercano una soluzione per recuperare il dialogo senza rinunciare al telefonino.

L’incontro dunque, parte dalla questione cellulare sì cellulare no ma diventa pretesto per uno scambio di opinioni tra generazioni diverse e talvolta opposte, ma in realtà più vicine di quanto si immagini.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori