Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Borbona, il vento spazza la copertura del convento di S. Anna

La copertura divelta

La sovrintendenza al lavoro per ripristinare le condizioni di tutela dell'edificio storico

18/01/2018 13:35 

 

Amatrice: scuole chiuse fino al 20 gennaio

Servirà a bonificare gli ambienti dopo il principio d'incendio del 21 dicembre

17/01/2018 18:10 

 

ASM Rieti trasferisce gli uffici

©

Gli orari e i giorni di apertura resteranno invariati

17/01/2018 17:35 

 
 

 
   

 

 

Regionali, Lombardi visita l'ospedale di Rieti: urgente bisogno di adeguamenti

 

Roberta Lombardi a Rieti
Roberta Lombardi a Rieti

 
 
virgolette

Sul personale interno: poche risorse, anche se lo spirito di lavoro è encomiabile

     

dalla Redazione
venerdì 12 gennaio 2018 - 19:01


«Oggi all'Ospedale San Camillo de Lellis a RIETI, che serve ben 73 Comuni. Progettato negli anni '50 e inaugurato negli anni '70, il de Lellis è una struttura che ha urgente bisogno di adeguamenti, tanto che non tutti i reparti sono stati accreditati. E pensare che proprio qui c'è l'unico centro di pronto soccorso di tutta la provincia, ma le difficili condizioni di viabilità fanno si che i tempi di percorrenza per raggiungerlo siano a volte troppo lunghi. Poi c'è la questione del parcheggio dell'ospedale: non ci crederete ma è a pagamento. Cioè, se una persona vuole andare a far visita a un suo familiare o a un suo caro deve pagare. È un'assurdità, segno di come troppe cose purtroppo non funzionino. E il consorzio che ha realizzato il parcheggio ha anche percepito fondi pubblici per farlo». Lo scrive, su Facebook, la candidata M5s alla Regione Lazio, Roberta Lombardi.

«Infine c'è la questione del personale interno - scrive ancora - poche risorse, anche se lo spirito di lavoro è encomiabile. Negli ultimi anni mi dicono che ci sono stati a malapena 5 o 6 assunti, così capita che un medico, un infermiere o un ausiliare debbano farsi in quattro, lavorando anche 15 ore al giorno per completare il servizio (accade lo stesso in moltissime altre strutture pubbliche della Regione). A loro va il mio ringraziamento e anche ai dirigenti che oggi ci hanno accolto, per la loro cortesia e professionalità».








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori