Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Fine settimana di festa nel popolare quartiere cittadino di Villa Reatina

don Jean Baptiste Sano

Al via le celebrazioni di Maria Santissima Regina Mundi

25/05/2018 15:02 

 

A Rieti e Viterbo porte aperte in fattoria

Il 3 giugno la Filiera Latte del Lazio propone percorsi gratuiti per scoprire il mondo del latte con visite nelle aziende delle due province

24/05/2018 19:15 

 

Mep Radio, in diretta il Consiglio regionale dell'Umbria

L'Aula dell'Assemblea legislativa dell'Umbria

Sarà possibile seguire la trasmissione anche in streaming audio

24/05/2018 08:00 

 
 

 
   

 

 

Caccia, ennesimo regalo della giunta Zingaretti al mondo venatorio

 


 
 
virgolette

Posticipata la chiusura della stagione venatoria per i tordi. «Grave e immotivata infrazione della direttiva. Zingaretti ci ripensi»

     

dalla Redazione
venerdì 12 gennaio 2018 - 08:43


La caccia a Tordo bottaccio, Tordo sassello e Cesena proseguirà fino al 31 gennaio grazie al decreto del Presidente Zingaretti che consentirà di cacciare queste tre specie per 10 giorni in più rispetto a quanto precedentemente previsto.

Il calendario venatorio regionale originariamente prevedeva la chiusura della caccia per le tre specie al 20 gennaio, così come indicato dall’ISPRA per evitare che l’esercizio venatorio fosse svolto durante la migrazione prenuziale, cioè durante quella delicata fase della vita degli uccelli in cui gli animali adulti si spostano verso i luoghi di riproduzione. Ignorando le indicazioni dell’autorità scientifica nazionale, e senza alcuna motivazione scientifica la Regione Lazio ha invece deciso di prolungare la stagione venatoria con il solo intento di accontentare il mondo venatorio.

La decisione risulta ancora più grave se si considera che una di queste tre specie, il Tordo sassello, è stata di recente classificata come SPEC1, cioè minacciata a livello globale. Per tale specie dovrebbe dunque essere previsto addirittura il divieto di caccia e dovrebbero scattare anche altre e rigorose misure di protezione e conservazione.

Ebbene, non solo tali divieti e misure non ci saranno, ma la Regione ha deciso di ricorrere alla cosiddetta decade di sovrapposizione. Una possibilità teoricamente concessa dai regolamenti comunitari solo in casi eccezionali e di certo non attivabile in relazione ad una specie in così preoccupante stato di salute.

«Ancora una volta la Regione Lazio – dichiarano le Associazioni - anziché adottare misure di conservazione per le specie in cattivo stato di conservazione, che nel Lazio sono ben 11 oggetto di caccia, e a fronte di un Piano faunistico venatorio ampiamente obsoleto (nel 2018 compie 20 anni!), elargisce l’ennesimo e ingiustificato regalo al mondo venatorio. Chiediamo al Presidente Zingaretti di ripensarci, prima che il provvedimento abbia efficacia, liberandosi finalmente da questa incredibile sudditanza psicologica nei confronti delle doppiette».








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori