Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Zingaretti, il Lazio torna a scommettere sull'agricoltura

Nicola Zingaretti

1278 nuovi agricoltori sono un grande elemento di discontinuità

19/01/2018 20:13 

 

Gala Tech, Valente: «In campo tutte le iniziative per salvaguardare l'occupazione»

Lucia Valente

23 i lavoratori coinvolti dalla procedura di licenziamento collettivo avviata dalla società

18/01/2018 16:06 

 

Per Salvini premier il Movimento Nazionale per la Sovranità

Chicco Costini

Costini: «Costituiremo comitati che affiancheranno la Lega nella prossima campagna elettorale»

18/01/2018 12:32 

 
 

 
   

 

 

Terremoto, sindaco di Leonessa: lo Stato ci colpisce alle spalle

 

© Paolo Trancassini
© Paolo Trancassini

 
 
virgolette

Trancassini: siamo fuori dalla cosiddetta zona franca urbana

     

dalla Redazione
sabato 19 agosto 2017 - 08:58


«Nel momento in cui esercitiamo il massimo sforzo, lo Stato ci colpisce alle spalle. Oramai è chiaro che la cosiddetta zona franca urbana, cioè l'esenzione per le aziende dal pagamento dei tributi non riguarderà il nostro territorio e gran parte dei comuni del cratere». È quanto dichiara il sindaco di Leonessa, uno dei comuni del Reatino colpiti dal sisma, Paolo Trancassini.

«Peraltro l'esenzione prevista per le nuove aziende - prosegue il sindaco di Leonessa - rappresentando una chiara concorrenza sleale, suona come una beffa alla storia ed alla identità dei nostri Paesi. In più oggi sempre il governo ha vergognosamente interrotto l'assistenza ai nostri anziani non autosufficienti ricoverati nelle strutture di lungo degenza».

«Questo piccolo governo, che usa leggi ordinarie per fronteggiare l'emergenza del terremoto, che balbetta sulla ricostruzione e che raddoppia la burocrazia per nascondervi le proprie debolezze - aggiunge Trancassini -, non sa che i nostri mestieri, le nostre aziende ed i nostri anziani rappresentano ed incarnano la Nazione molto di più di banche, industrie e lobby finanziarie. Noi invece lo sappiamo benissimo ed è per questo, anche per questo che ce la faremo».








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2018  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori