Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

A Ginevra la presentazione della 1000 Miglia 2019: 430 equipaggi da 5 continenti

Un momento della conferenza stampa

Il 26 maggio la seconda tappa passa per Rieti e poi per Roma

05/03/2019 18:59 

 

Gabriele Melchiorri ancora campione italiano Minienduro

Gabriele Melchiorri

Il giovane reatino trionfa nello scorso fine settimana a Bergamasco di Alessandria

24/07/2018 13:01 

 

Rieti Terminillo: trionfa Angelo Marino

Lola B99/50 Zytek

Sul podio anche Ivan Pezzolla su Osella PA21 con il tempo di 5’25.16 conquista il secondo posto. Sergio Farris su Osella PA2000 con il tempo di 5’30.70 al terzo

15/07/2018 17:01 

 
 

 
   

 

 

La Rieti Terminillo ricorda Francesco Allegri

 

Francesco Allegri
Francesco Allegri

 
 
virgolette

A lui sarà intitolato un memorial realizzato dall’Automobile Club Rieti

     

dalla Redazione
mercoledì 19 luglio 2017 - 10:58


Il 16 maggio di quest’anno se n’è andato Francesco Allegri, più noto come Franco. Un giorno triste per lo sport automobilistico reatino. La 54° edizione della Rieti – Terminillo, 52° Coppa Carotti sarà dedicata a lui, importante punto di riferimento nella storia della cronoscalata e dell’automobilismo in generale.

A Francesco Allegri sarà intitolato un memorial realizzato dall’Automobile Club Rieti in collaborazione con la famiglia. La sua carriera come direttore di gara iniziò accanto a Romano Fazio, direttore dell’Autodromo di Vallelunga. Accanto ad Allegri sono cresciuti importanti ufficiali di gara, che grazie al suo insegnamento mantengono vivo lo sport automobilistico nel reatino e in tutta Italia. Un trofeo sarà consegnato al pilota più giovane tra gli iscritti, ai giovani Allegri teneva in modo particolare.

«Un uomo buono», così lo ricordano gli amici e i collaboratori, che ha dato tutto per la Rieti – Terminillo. Suo l’archivio privato dalla prima edizione del 1966, un patrimonio ora in mano alla famiglia. Le 53 edizioni già disputate, lo hanno sempre visto protagonista insieme al suo amico di sempre, Innocenzo de Sanctis, dapprima come fondatore della storia più recente della corsa, poi come instancabile organizzatore. Sotto la sua guida, la corsa é cresciuta di anno in anno fino ad acquisire nel periodo di maggior splendore, la validità per il Campionato Europeo della Montagna.

La sua perdita ha rattristato quanti hanno avuto il privilegio di conoscerlo e apprezzarlo, come collega o semplicemente come amico, non solo per la passione e la competenza in tema di sport automobilistici e auto d’epoca, ma anche e soprattutto per le doti umane che lo hanno reso un’icona per la storia della cronoscalata reatina.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2019  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori