Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

I carabinieri forestali ancora una volta impegnati nel rilevare lo stato di salute delle foreste reatine

Gli agenti all'opera

La tutela e difesa dell’ambiente passa anche per lo studio dei nostri boschi

29/09/2021 11:12 

 

Vigili del fuoco, ritrovato il 78enne disperso a Turania

L'uomo ritrovato questa mattina

L’uomo questa mattina stava percorrendo un sentiero

29/09/2021 11:07 

 

Partite questa mattina le prime terze dosi agli over 80 anni del Lazio ospiti nelle RSA

La signora Valentina

Entro qualche giorno avvio somministrazione anche ad operatori sanitari e estensione a tutti gli over 80

28/09/2021 12:33 

 
 

 
   

 

 

Allarme siccità, a rischio l'intero raccolto della lenticchia di Rascino

 


 
 
virgolette

Verso la richiesta dello stato di calamità naturale

     

di Valentina Croci - Presidente Pro. Le. R.
venerdì 14 luglio 2017 - 16:41


L'Associazione Produttori della Lenticchia di Rascino lancia l'allarme: la siccità mette a repentaglio l'intero raccolto della omonima lenticchia.

Purtroppo i cambiamenti climatici, ai quali stiamo assistendo, stanno presentando il conto in maniera sempre più evidente, è il terzo anno consecutivo che la produzione della lenticchia è inferiore alle aspettative e, in quello in corso, si rischia addirittura di non riuscire a produrre neanche la quantità necessaria per la semina; c'è stata una gelata a metà aprile alla quale è seguita la mancanza di pioggia che ancora persiste e la concomitanza dei due eventi ha impedito il corretto sviluppo delle piantine i cui baccelli stanno arrivando a maturazione con quasi un mese di anticipo pur essendo rimasti piccoli e semivuoti.

Naturalmente l’antica saggezza dei produttori mette al riparo dal rischio di estinzione del prodotto perché c’è la consolidata abitudine di conservare comunque delle scorte di seme che consentono di fare fronte a questo tipo di avversità, tuttavia la scarsità del raccolto mette a dura prova la caparbietà dei produttori che tentano faticosamente di mantenere la produzione di questo splendido legume.

La lenticchia di Rascino che, per le sue caratteristiche e qualità, è stata riconosciuta come presidio Slow Food ed è ancora oggi l’unico della Provincia di Rieti. è una produzione fondamentale e qualificante per una realtà territoriale, come la Piana di Rascino e tutto il Cicolano, economicamente debole ma ricca di una natura incontaminata e di una biodiversità animale e vegetale di assoluto rilievo..

Il lavoro della Associazione dei Produttori, che ad oggi conta oltre 25 soci, sta iniziando a dare i suoi frutti: ha definito un rigido disciplinare di produzione che, con il supporto del Presido Slow Food, garantisce la conservazione e la qualità del prodotto e sta portando avanti un’intensa un’attività di promozione che sta facendo si che la Lenticchia di Rascino venga conosciuta e apprezzata ovunque per le sue qualità e per il suo sapore.

La quasi completa perdita del raccolto di questa stagione rischia di compromettere gli sforzi fatti negli ultimi anni e di mettere in ginocchio un’economia che faticosamente si sta cercando di costruire.

L'Associazione con l'appoggio del Sindaco del Comune di Fiamignano, Carmine Rinaldi, si sta attivando per chiedere lo stato di calamità naturale e a tale scopo il Sindaco ha già avuto contatti con l'Arsial e la Coldiretti, a breve un incontro con gli enti competenti.














 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2022  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori