Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Lingotto di Torino, 216 artisti alla mostra collettiva di pittura

Cinquanta solo da Roma e provincia

23/05/2017 16:33 

 

La Fenice di Leonessa a trazione rosa

Il nuovo consiglio direttivo

Cambio della guardia nell'associazione culturale, già al lavoro sui prossimi eventi

23/05/2017 08:14 

 

IIS Luigi di Savoia, lo psicologo Ezio Aceti incontra gli studenti

Ezio Aceti tra gli studenti

Al Socio Sanitario per il progetto scuola_incontro

20/05/2017 08:17 

 
 

 
   

 

 

Omaggiare il territorio attraverso la musica

 


 
 
virgolette

Questo il tema del Concerto di fine anno dell’Istituto Magistrale di Rieti

     

dalla Redazione
giovedì 18 maggio 2017 - 08:07


Questo pomeriggio, 18 maggio, alle ore 18.00, presso il Teatro “Flavio Vespasiano” di Rieti, gli studenti e le studentesse dell’Istituto Magistrale, in particolare il Liceo Musicale, il Coro “La Fenice” e l’Orchestra d’Istituto, preparati e guidati dai propri docenti di musica, si esibiranno nell’atteso Concerto di fine anno, un appuntamento ormai entrato nella tradizione culturale della città. Tutti sono invitati a partecipare, l’ingresso è libero.

La proposta artistica dell’Istituto intende coinvolgere gli spettatori in un’esperienza musicale e visiva, perché accanto alle melodie che verranno eseguite, scorreranno delle immagini significative della nostra terra. In tal modo s’intende omaggiare la bellezza del territorio locale, offrendo una colonna sonora realizzata dagli artisti in erba della scuola. Un’attenzione particolare è stata riservata all’inequivocabile e positivo valore della presenza nella valle santa di S. Francesco e il francescanesimo.

Un segno di fratellanza e vicinanza verso coloro che sono stati colpiti dalla tragedia del terremoto, un modo per ribadire che appartiamo tutti alla stessa comunità, che condividiamo le stesse attese e speranze, soprattutto la stessa prospettiva di futuro con la profonda e inarrestabile forza dell’ottimismo che spinge a costruire e ricostruire, con l’aiuto della “simpatia” e dell’affiatamento reciproco che la musica naturalmente genera in ogni cuore.

Saranno eseguiti brani musicale di Miles Davis, Antonio Vivaldi, Eduard Grieg, Samuel Barber, Jean Baptiste Singelee, R. E. Schram, C. Fox e N. Gimbel J. Lennon e P. McCartney, P. Caikovskij, Gabriel Fauré, George Bizet e Negro Spirituals.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2017  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori