Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Vigili del fuoco, Conapo: Antonio Brizzi dimesso dall'ospedale

I soccorsi ad Antonio Brizzi

Il sindacalista era svenuto per uno sciopero della fame

23/05/2017 20:59 

 

A Cittareale apre la nuova mensa antisismica per la scuola

L'inaugurazione dei lavori

Offrirà 100 pasti al giorno agli alunni della scuola d'infanzia e primaria

23/05/2017 19:17 

 

Collalto Sabino, la morte di un amico

Il castello di Collalto Sabino

Ricordando Raffaele Rossi

23/05/2017 11:59 

 
 

 
   

 

 

Coppa Carotti dimezzata e dileggiata

 

© I box di partenza della Coppa Carotti
© I box di partenza della Coppa Carotti

 
 
virgolette

Dov'è finita la manifestazione con 200 iscritti e la città invasa dal seguito dei piloti?

     

di Alessandro Messi
giovedì 18 maggio 2017 - 17:38


Leggo stamattina dalle righe della cronaca locale la conferma dell’ulteriore declassamento della Nostra Coppa Carotti: percorso dimezzato e validità ridotta. Già i sentori non erano buoni quando l’Aci Sport tempo fa pubblicò i calendari delle competizioni nazionali e la Rieti-Terminillo non compariva tra le prove del CIVM (Campionato nazionale velocità montagna) ma solo nel TVM di zona, sorta di ripiego per le scalate di livello minore. Eppure tra le prove nazionali ed europee figurano località non certo note per lo strapotere economico e la storia delle corse (Pedavena, Verzegnis, Reventino….).

Lontani i tempi nei quali la gara figurava tra le prove del Campionato Europeo, quando gli iscritti raggiungevano quota 200, quando la città era invasa dal seguito dei piloti con provenienze da tutta Europa. Un volano di prestigio ed anche economico che non si è saputo conservare nel corso degli anni, un ulteriore colpo all’immagine della nostra bistrattata città.

Leggo le parole del Presidente dell’ACI locale, ed apprendo che questa mossa consente un risparmio di 20/25 mila euro! Più che altro sembra un insulto alla storia della competizione, una mancanza di rispetto verso tutti gli appassionati che ogni anno si riversavano sui tornanti dell’altrettanto bistrattato ma splendido Terminillo e forse anche, consentitemelo, la mancata possibilità di ricordare in grande stile uno di quelli che la Coppa Carotti l’hanno cresciuta e resa grande, quel Franco Allegri scomparso proprio ieri, e che vedevi sempre presente allo start della gara vicino alla “colonna” di Lisciano.

Mi chiedo e domando alle Istituzioni Locali, che tanto parlano in questi giorni a scopi elettorali di sviluppo economico e promozione turistica, come è stato possibile tutto questo ? Un esame di coscienza sarebbe opportuno.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2017  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori