Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Rieti, da domani le Osterie dei Pozzi

Sette candeline per la manifestazione enogastronomica d'estate

27/07/2017 12:43 

 

Venezia 74, testimonianza di Gianni Amelio su Amatrice

Gianni Amelio

La Biennale di Venezia lo presenta come Evento speciale della 74. Mostra Internazionale d'Arte

27/07/2017 07:50 

 

Amatrice, quarto colloquio del 3e36: «Cosa abbiamo sotto i piedi?»

Andrea Tertulliani

Presenti gli esperti dell'INGV

27/07/2017 07:23 

 
 

 
   

 

 

Cittareale: dopo il terremoto il nuovo municipio

 

©
©

 
 
virgolette

Il prossimo venerdì 21 aprile 2017 l'inaugurazione

     

dalla Redazione
mercoledì 19 aprile 2017 - 20:32


Cittareale, dal terremoto nell’estate scorsa e dalle successive scosse di gennaio, ha un municipio nuovo. Una struttura prefabbricata di 200 metri quadri dove troveranno posto le attività del Comune, attualmente dislocate in diversi container.

Lo annuncia l’Associazione Maria Madre della Provvidenza “Giorgio Valsania”, l’Onlus piemontese che fornisce assistenza e strutture ai paesi terremotati italiani e che ha reso possibile la realizzazione dell’opera, in collaborazione con la Croce giallo azzurra di Torino, grazie al progetto “Missione Centro Italia 2016".

La struttura sarà inaugurata venerdì 21 aprile 2017 - alle ore 10,30. Parteciperanno il sindaco di Cittareale Francesco Nelli; Enzo Valsania, presidente della “Giorgio Valsania” assieme ad alcuni volontari; il presidente e il vice presidente della Croce giallo azzurra di Torino e la Protezione Civile di Caselle Torinese. Nel piccolo comune, che nel terremoto ha perso uno dei suoi 417 abitanti, l’80 per cento degli edifici è stato dichiarato inagibile.

La “Missione Centro Italia 2016” trasporta nelle zone colpite prefabbricati adibiti a scuole, comuni e abitazioni per garantire ai terremotati, a Norcia, a Preci, a Cittareale (e ancor prima in Emilia Romagna), un luogo caldo e asciutto.

L’associazione, che opera oggi in Italia attraverso una fitta rete di volontari e sostenitori, ha 7 sedi in Piemonte; quella di Caselle Torinese nasce ufficialmente nel 2007 dalla volontà di Enzo Valsania e famiglia, dopo la scomparsa del figlio diciottenne, Giorgio, a seguito di un tragico incidente stradale avvenuto nel 2006.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2017  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori