Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Rieti, schede elettorali: il Csm chiede rapporto a Panzani

Sulla vicenda attesa una relazione dal presidente della Corte d'appello di Roma

20/10/2017 14:15 

 

Contigliano e l'Arma dei carabinieri ricordano Maurilio Polletti

Maurilio Polletti

Il maresciallo capo dei carabinieri scomparve il 26 dicembre del 2006 in un incidente di montagna

20/10/2017 14:05 

 

Rieti, vendita di prodotti alimentari etnici: due denunce

I carabinieri di Rieti sequestrano nel capoluogo 150 chili di merce

20/10/2017 11:45 

 
 

 
   

 

 

Amatrice: c'è un futuro per la scuola trentina

 

La scuola modulare ad Amatrice
La scuola modulare ad Amatrice

 
 
virgolette

Rimarrà in piedi fino al termine dei lavori della nuova scuola

     

dalla Redazione
giovedì 13 aprile 2017 - 19:59


Sono arrivate alcune garanzie sul futuro della scuola costruita ad Amatrice dal Trentino. A comunicarlo è stato stamane il governatore Ugo Rossi, al termine della consueta conferenza stampa di Giunta.

Il presidente si è sentito, infatti, in queste ore, da un lato con il commissario Vasco Errani, dall'altro con il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi: «Comprendo che, a fronte dell'offerta di Fiat Chrysler Automobiles, il primo cittadino non intenda rinunciare a una scuola nuova, in muratura che possa anche attrarre altri studenti - sono state la parole del governatore Rossi -, quello che però volevamo capire, a fronte di alcune preoccupazioni che erano emerse, era come questo progetto si sarebbe sviluppato ed assicurarci che non ci sarebbe stata una corsa alla demolizione, prima che i lavori del nuovo plesso scolastico si fossero conclusi. E questo anche per tutelare il lavoro dei volontari trentini che hanno consegnato a bambini e genitori una scuola costruita in tempi record per l'apertura dell'anno scolastico».

Assicurazioni che ci sono state: «Sia il governatore Errani che il sindaco Pirozzi mi hanno spiegato che i lavori sostenuti da FCA inizieranno a giugno in un'area attigua e si dovrebbero chiudere a settembre - prosegue il presidente Rossi. La scuola costruita dal Trentino rimarrà comunque in piedi fino al termine dei lavori, successivamente siamo già d'accordo che faremo una valutazione con il sindaco sul territorio di Amatrice per individuare eventuali necessità, altrimenti con il commissario Errani troveremo un'altra area dove spostare i moduli. Mi riservo comunque di fare una visita sul posto, per capire come il cantiere andrà avanti, perché credo che sia giusto che il Trentino mantenga questo legame fatto non solo di opere e lavori, ma anche di umanità».

Il presidente Ugo Rossi ha quindi ricordato il recente incontro, avvenuto a Rovereto nell'ambito del Festival Educa, con la dirigente scolastica dell'Istituto omnicomprensivo di Amatrice Maria Rita Pitoni, che ha rivolto parole di ringraziamento al Trentino perché è stato grazie alla scuola che il paese è ripartito.

«La dirigente Pitoni - ha aggiunto Rossi - è in contatto con il Dipartimento provinciale della Conoscenza perché, per il loro Liceo, vorrebbero mutuare la nostra esperienza del Liceo scientifico sportivo; abbiamo assicurato che forniremo tutto il nostro know how e il supporto necessario, anche tramite il Ministero».

Il sindaco Pirozzi ha poi chiesto al governatore di far arrivare a tutti i volontari trentini il ringraziamento di Amatrice: «Il primo cittadino mi ha assicurato che quanto abbiamo fatto non sarà dimenticato, ci saranno anche dei segni concreti che ricorderanno l'intervento dei trentini. Al suo ringraziamento vorrei aggiungere il mio personale e di tutta la Giunta provinciale: grazie davvero a tutti coloro che hanno collaborato e hanno messo cuore, braccio e mente per costruire una cosa bella con senso di solidarietà».

Infine il governatore Rossi e l'assessore alle infrastrutture e ambiente Mauro Gilmozzi hanno ricordato l'impegno del Trentino a Camerino, per la costruzione di uno studentato. «Abbiamo da poco concluso le indagini idrogeologiche nell'area dove sorgerà il nuovo studentato - ha chiarito l'assessore Gilmozzi -, il progetto ormai è pronto e si compone di nove moduli in legno. I lavori saranno realizzati da imprese locali e con una gara che verrà condotta da Trentino e Alto Adige».

Il progetto, infatti, vede il contributo delle due Province autonome, ma anche del Tirolo, che partecipa nell'ambito dell'Euregio, nonché di una parte del Fondo di solidarietà, al quale hanno contribuito lavoratori, datori di lavoro, cittadini, associazioni, enti, sindacati e aziende.

«Il progetto per lo studentato di Camerino prevede un importo di circa 8,8 milioni di euro - prosegue Gilmozzi - siamo già pronti per procedere con il bando di gara, il nostro obiettivo è concludere i lavori entro il 2017. Camerino, in provincia di Macerata, è una città strettamente legata all'Università, ma attualmente circa la metà delle abitazioni sono inagibili, per questo si tratta di un progetto davvero essenziale».








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2017  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori