Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Truffe online, due persone denunciate dalla Polizia di Stato

Denunciati in stato di libertà due pregiudicati campani

03/09/2021 08:13 

 

Castel di Tora, i carabinieri sequestrano un chiosco abusivo

Sanzionato il titolare

03/09/2021 08:07 

 

Carabinieri, a Montopoli di Sabina sequestrate sette piantine di marijuana

Denunciato il proprietario del terreno

25/08/2021 08:09 

 
 

 
   

 

 

Non si ferma la solidarietà post sisma: dalla Pramac un generatore di speranza

 

Colucci consegna il generatore a Katia D’Apostolo e Guido Pica
Colucci consegna il generatore a Katia D’Apostolo e Guido Pica

 
 
virgolette

Il presidente di Radici Accumolesi: «Un ringraziamento di cuore all’azienda senese, col suo contributo siamo riusciti a dare un aiuto concreto a una delle pochissime aziende rimaste attive sul nostro territorio»

     

dalla Redazione
mercoledì 22 febbraio 2017 - 08:20


Non si ferma la gara di solidarietà che ha interessato il territorio del Comune di Accumoli, martoriato dai continui terremoti che si sono succeduti dal 24 agosto scorso. Un aiuto concreto è arrivato dalla Pramac, azienda leader nella produzione di generatori.

Il comitato civico Radici Accumolesi ha accettato con entusiasmo la generosa offerta dell’azienda senese che ha permesso di risolvere un serio problema comunicato dall’azienda Alta Montagna Bio, una delle pochissime rimaste attive nell’accumolese nonostante la drammaticità di questi mesi.

La donazione di un gruppo elettrogeno da parte della Pramac, ha permesso al Comitato di girare lo stesso all’azienda di Katia D’Apostolo e Guido Pica, assicurandogli la continua erogazione di elettricità anche nel caso dovessero ripetersi black out come quelli ripetutisi nei mesi scorsi, che hanno portato gravi danni alla linea produttiva.

«Ringrazio di cuore l’azienda senese », ha detto Renzo Colucci, presidente del Comitato Radici Accumolesi all’atto della consegna della donazione, «proprio grazie alla spontanea generosità di tanti riusciamo a risolvere problemi che alla macchina burocratica appaiono poca cosa, ma che in realtà rappresentano preoccupazioni enormi per la nostra gente, fiaccata dal dramma del terremoto».

 «Giro alla Pramac», ha proseguito Colucci, «anche i commossi ringraziamenti di Katia D’Apostolo e Guido Pica, che ora hanno un pensiero in meno ».








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori